Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Media
40 minuti di preparazione
50 minuti di cottura
750 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura
Per la pasta
Per il ripieno di zucca
Per la crema di taleggio

Istruzioni

  1. Impastate la semola con circa 80 ml d’acqua e con le uova battute insieme a mezzo cucchiaino di sale. Una volta ottenuto un impasto omogeneo ed elastico, avvolgetelo in un panno umido e lasciatelo riposare per mezz’ora.
  2. Disponete la zucca a pezzi in una teglia ricoperta con carta da forno e infornatela a 180 °C per 30-35 minuti, girandola a metà cottura. Quindi frullatela con la farina di mandorle, la farina di ceci, il porro tritato, una foglia di salvia, qualche foglia di timo e poco sale, fino a ottenere un composto morbido ma asciutto.
  3. Fondete in un pentolino a bagnomaria il taleggio in pezzi insieme alla panna, al burro, a una grattugiata di noce moscata e a poco sale. Dovete ottenere una crema molto fluida.
  4. Tagliate il radicchio a striscioline sottili e saltatelo per 5 minuti scarsi con un cucchiaio d’olio, il porro tritato e poco sale. Una volta intiepidito, mescolatelo alla crema di taleggio, tenendo il tutto in caldo a bagnomaria.
  5. Stendete sottilmente l’impasto in 2 sfoglie uguali. Con un cucchiaino disponete su una sfoglia tanti tocchetti di farcia non più grandi di una noce, distanziandoli almeno di 2 dita l’uno dall’altro. Ricoprite con l’altra sfoglia, schiacciate con le mani le sfoglie tra un tocchetto e l’altro e infine ricavate i ravioli con la rotella tagliapasta.
  6. Lessate i ravioli in acqua salata, una volta a galla scolateli con un schiumarola direttamente nei piatti e conditeli con la crema calda, guarnendo a piacere con un po’ di salvia o di timo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome