Voti: 1
Valutazione: 4
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Facile
30 minuti di preparazione
30 minuti di cottura
Impatto glicemicobasso
230 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura

Istruzioni

  1. Grattugiate un cucchiaio di scorza delle arance, poi mescolatela al parmigiano e al pangrattato. Tritate finemente le foglie di prezzemolo insieme ai funghi, già ammollati e scolati, quindi aggiungeteli al misto di pangrattato.
  2. Pulite i carciofi scartando le foglie più dure, il gambo e le barbe interne, tagliate di netto le punte spinose. Alla fine allargate le foglie dei carciofi e farciteli con il ripieno aromatico.
  3. Tagliate a metà 2 arance e svuotatele delicatamente dalla polpa con l’aiuto di un coltello a punta. Poi sistemate in un contenitore col coperchio le 4 scodelle di buccia e centrifugate o frullate la polpa delle arance; se serve filtrate il succo.
  4. Rosolate l’aglio intero con 2-3 cucchiai d’olio in una casseruola dai bordi alti. Sistemate i carciofi in verticale e stretti gli uni agli altri, salateli leggermente e dopo 5 minuti mettete il coperchio e bagnateli un po’ per volta col succo d’arancia allungato con altrettanta acqua. Cuocete gli ortaggi per 20-25 minuti, quindi scolateli e fate restringere il fondo di cottura.
  5. Pelate al vivo tutte le arance rimaste, tagliatele a spicchi o a cubetti. Snocciolate le olive e tritatele, condite la polpa di arance con le olive, una macinata di pepe, poco sale e uno-due cucchiai d’olio, coprite e lasciate marinare.
  6. Sistemate i carciofi all’interno delle scodelle di arancia e serviteli nei piatti con accanto l’insalata alle olive e il fondo di cottura ristretto

Note

Carciofi e agrumi non amano il vino. Men che meno rosso. Si può fare un tentativo con un bianco morbido, fruttato, magari affinato in barrique: provate con uno Chardonnay di Toscana Igt

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome