Ricette con le erbe selvatiche
Un prato in cucina

3 | 1 voto/i

Tarassaco, crescione, ortica… sono tante le erbe spontanee primaverili che da sempre entrano nella gastronomia nazionale. Eccovi una bella panoramica di ricette vegetariane per portare in tavola queste “selvatiche” in modo sfizioso e originale

Esistono varie specie di erbe selvatiche che crescono spontaneamente in giardino oppure in campagna come ortica, menta, tarassaco, finocchietto selvatico, solo per citarne alcune. Spesso vengono raccolte per fare infusi oppure rimangono completamente ignorate, ed è un peccato perché queste deliziose erbe selvatiche possono essere utilizzate in cucina per preparare piatti sfiziosi e ricchi di nutrienti.

Un’erba da trattare coi guanti

Dall’ortica in cucina si consumano le tenere foglioline della cima, da raccogliere con cautela e rigorosamente provvisti di guanti. Fatelo dall’inizio della primavera alla prima estate, quando sono ancora tenere e non sono ancora presenti le infiorescenze. Usate i guanti anche quando le mondate in cucina ma poi potrete procedere senza rischi: una volta lessate, o anche solo leggermente scottate, non solo perdono il potere di urticare, ma diventano al palato soffici come velluto.

Ortica da cucinare

Una volta scottata, l’ortica è ideale per preparare risotti, frittelle, quiche o torte salate. Inoltre le sue cime possono insaporire formaggi freschi o farcire, insieme a una buona ricotta, succulenti ravioli. Un’omelette, una zuppa o un minestrone possono guadagnare in raffinatezza grazie al contributo di poche foglie di ortica. Come contorno, infine, si comportano come gli spinaci e le bietole: saltate in padella con poco olio o una noce di burro possono accompagnare carni, pesci e uova.

Tarassaco l’amaro che piace

Chiamato anche dente di leone o soffione, il tarassaco è molto comune nei prati di tutta Italia ed è una delle migliori insalate selvatiche, da raccogliere ai primi stadi di vegetazione, prima che si formino i fiori. In linea generale, è meglio consumare cotte le foglie esterne più grandi e riservare le foglioline più tenere alle insalate crude. Dal caratteristico sapore amarognolo, le foglie del tarassaco sono buone saltate in padella con aglio e olio, lessate e condite con olio e limone o aceto, oppure in insalate miste.

Erbe e legumi

Dall’ortica al tarassaco, è particolarmente riuscito l’abbinamento in cucina tra erbe selvatiche e secondi vegetariani a base di legumi, come il tempeh o il tofu derivati dalla soia, e coi legumi al naturale in genere. La presenza delle erbe, infatti, migliora la digeribilità del piatto e inoltre il loro sapore intenso, talvolta amarognolo, contrasta piacevolmente col carattere più dolce e neutro dei legumi.

 

Ecco 5 ricette per utilizzare le erbe selvatiche in modo gustoso.





 

 

 

Un prato in cucina - Ultima modifica: 2017-03-15T15:09:11+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome