5 | 2 voto/i

Una versione di gnocchi di zucca davvero speciale e accompagnata da un condimento profumato, ma non troppo invasivo. E allora prima che la stagione di questo ottimo ortaggio finisca del tutto approfittatatene!!!

Gnocchi di zucca quanto sono buoni e prima che questo meraviglioso ortaggio superi la sua stagionalità migliore conviene proprio prepararsi un primo piatto che ne porti in risalto le migliori prerogative.

Questa ricetta ha ben nove anni di vita ed è stata creata in un periodo in cui sperimentavo nuovi modi per realizzare gli usuali gnocchi, da quel lavoro sono poi nati diversi articoli e i piatti hanno cominciato a fare parte di alcuni ristoranti che seguivo.

Per la preparazione della versione di gnocchi di zucca che vi presento si segue un procedimento diverso dal solito con lo scopo di arrivare a una consistenza gelificata che lascia i singoli gnocchetti molto morbidi.

Per sua natura è poi una versione completamente senza glutine perché per donare la morbidezza finale si sfrutta a proprio vantaggio la palpabilità soffice della fecola di patate sommata alla farina di riso.

Partendo da una zucca di alta qualità conviene poi non scegliere condimenti troppo coprenti per i gnocchi di zucca altrimenti le caratteristiche sensoriali di partenza rischiano di essere del tutto coperte.

Per questo si è preferito ricorrere a un accompagnamento di un olio profumato alla salvia rafforzando il sapore con dell’aglio e mitigando le temperature con dell’acqua in modo da non rovinare troppo le prerogative dell’olio usato.

Che come sempre nella mia cucina è di assoluta importanza perché può determinare nettamente l’esito finale del piatto, per cui su un buon olio extravergine di oliva non lesinate mai!!!

Gnocchi di zucca al timo con condimento alla salvia

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di zucca del tipo Mantovana, Delica o Marina di Chioggia già pulita,
  • 100 g di fecola di patate,
  • 75 g di farina di riso,
  • 1 mazzetto di timo fresco,
  • 12 foglie di salvia,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 2 cucchiai circa di scaglie di mandorle,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Tagliare la zucca in piccoli cubetti e condirla con poco olio, un pizzico di sale e i rametti di timo lavati, metterla in una padella dal fondo spesso, coprirla e a calore basso cuocerla per 10-15 minuti circa fino a renderla tenera, se strettamente necessario versare pochi cucchiai di acqua alla volta.
  2. Eliminare i rametti di timo lasciando le foglie staccate e ridurre in purea la zucca, aggiungere la fecola e la farina di riso, mescolare fino a ottenere una crema uniforme e trasferirla in una casseruola.
  3. Sempre mescolando cuocerla per alcuni minuti a calore medio basso fino a ottenere una massa solida e compatta gelificata, importante è non scaldare eccessivamente la crema superando troppo i 70 gradi, appena formato una sorta di unico gnocco aggregato attorno al cucchiaio che mescola spegnere e trasferire in un vassoio a intiepidire.
  4. Nel frattempo lavare le foglie di salvia e metterle in un pentolino insieme a 3 cucchiai abbondanti di olio, aggiungere l'aglio sbucciato e diviso in 4-6 pezzi e 7-8 cucchiai di acqua, coprire e far trasudare a calore basso per 5 minuti circa lasciando asciugare gran parte dell'acqua.
  5. Dividere l'impasto di zucca in piccoli pezzi e arrotolandoli tra le mani formare delle palline, lessarli in abbondante acqua bollente per 2-3 minuti, scolarli con una schiumarola in una zuppiera e condirla con il condimento alla salvia eventualmente filtrato da foglie e aglio.
  6. Servire accompagnando con scaglie di mandorle al naturale o leggermente tostate
5 | 2 voto/i

Gnocchi di zucca in una gustosa versione morbida e profumata - Ultima modifica: 2020-01-30T12:11:09+00:00 da Giuseppe Capano
Gnocchi di zucca in una gustosa versione morbida e profumata - Ultima modifica: 2020-01-30T12:11:09+00:00 da Giuseppe Capano

4 COMMENTI

    • Grazie Antonella!
      Può andare benissimo il rosmarino o per una nota diversa anche della maggiorana secca!
      Una buona giornata e buoni gnocchi. 🙂

      Giuseppe

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome