Olive, gioielli in cucina


Tonde, polpose, saporite, le olive sono davvero irresistibili. Se fino a ora le avete prese in considerazione solo per accompagnare l'aperitivo o al massimo per arricchire salse o insalata, avrete di che ricredervi...

Le olive sono rinomate per il loro sapore unico. Ne esistono diverse qualità, raggruppabili fondamentalmente in due gruppi: quelle verdi, ricche di polpa e sode, e quelle nere, dalla pelle più coriacea, che vengono raccolte ben mature e asciugate al sole o in forno per renderle più morbide.

Advertisement

Le varietà italiane sono numerosissime: molto apprezzate sono la Taggiasca che proviene dalle colline del ponente ligure, quelle di Gaeta che sono famose anche per la loro grandezza e la Santa Caterina, tipica delle colline toscane ed umbre. Tra quelle nere, sono considerate di alta qualità per il loro sapore la Bitontina coltivata in tutta la provincia di Bari, la Cassanese diffusa in tutte le province calabresi e la Majatica di Ferrandina, dal territorio della provincia di Materna. Dalle campagne del Belice, in Sicilia, arrivano ottime olive da tavola di produzione biologica.

Fonte preziosa di energia e sali minerali, oltre che di importanti grassi insaturi, le olive favoriscono la digestione e stuzzicano l'appetito, vanno però consumate con moderazione, dato l'elevato potere calorico. Come ingrediente di cucina non hanno eguali: saporite, amarognole, piccanti e tenere, da provare in queste stuzzicanti ricette.





Olive, gioielli in cucina - Ultima modifica: 2010-05-14T00:00:00+02:00 da Redazione
Olive, gioielli in cucina - Ultima modifica: 2010-05-14T00:00:00+02:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome