Lo sapevate? Anche l’olio extravergine aiuta a dimagrire


Quando si sta attenti alle calorie, oltre alle porzioni di pane o pasta bisogna fare attenzione anche ai condimenti. Normalmente la quantità d’olio extravergine consigliata in un pasto light è di 2-3 cucchiaini in totale (vedi diete in questa sezione). Quello che però non tutti sappiamo è che anche una quantità ridotta di olio può far diventare ciò che si mangia molto più saziante:  a condizione, però, che sia di qualità. Che l’olio crudo avesse un buon potere saziante in parte lo si sapeva già - grazie al lavoro di ricercatori italiani come quelli del dipartimento di agraria dell’Università di Portici. E proprio questi ultimi hanno pubblicato un nuovo studio su Food & Function nel quale hanno appurato il ruolo “dimagrante” dell’olio extravergine collegato alla quantità di acido oleico, che abbonda nell’olio extravergine.  In soldoni, a tre gruppi di persone sono stati somministrati 30 g di pane con 30 ml di uno dei tre oli selezionati: olio di girasole, olio di girasole arricchito di acido oleico, e olio di oliva extravergine.  A distanza di 2 ore è stato visto che nel gruppo dell’extravergine e dell’olio arricchito erano rimaste in circolo delle sostanze che prolungano nell’organismo il senso di sazietà e che nei pasti successivi (entro le 24 ore) questi due gruppi avevano mangiato meno del solito.

Come non concludere con questa fresca ricetta di stagione caratterizzata dall'olio profumato al basilico?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome