Orzotto alla curcuma con verza e barbabietola - Ultima modifica: 2016-11-17T22:40:29+00:00 da Redazione
Voti: 1
Valutazione: 2
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Facile
25 minuti di preparazione
55 minuti di cottura
320 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura

Istruzioni

  1. Portate a bollore 2 l d’acqua salata insieme all’alloro, quindi scottatevi la verza per 3-4 minuti, scolandola in acqua ghiacciata. Di seguito lessatevi le carote in 2-3 pezzi per 10 minuti. Nel frattempo, asciugate e tritate grossolanamente le foglie di verza, private dalla costa centrale. Scolate le carote e riducetele in tocchetti piccolissimi. Conservate il brodo delle verdure al caldo.
  2. Tostate l’orzo in una casseruola larga per risotti per 4-5 minuti a calore basso, a questo punto togliete l'orzo e rosolate gli scalogni tritati insieme a 2-3 cucchiai d’olio per 5 minuti circa. Unite nuovamente l’orzo, fatelo insaporire brevemente e poi sfumate col vino. Una volta evaporato, riducete la fiamma, aggiungete la curcuma, una macinata di pepe e versando poco brodo bollente delle verdure per volta, cuocete il cereale per 30 minuti, come fosse un risotto. Passato questo tempo, aggiungete le carote e portate a cottura dopo una decina di minuti. Levate dal fuoco e unite la verza, mescolate e controllate il sale.
  3. Frullate la barbabietola con un po’ del brodo caldo delle verdure fino a ricavare una crema, da condire con un filo d’olio.
  4. Distribuite l’orzotto nei piatti e completate con la salsa di barbabietola lasciata cadere in modo decorativo.

Note

La nota dolce della carota va contrastata con un Erbaluce di Caluso, bianco asciutto, secco ma non brusco nella sua acidità, capace di una notevole sapidità e cenni agrumati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome