5 | 3 voto/i

La mia interpretazione di un bel piatto povero tipico delle isole Toscane in cui la semplicità sposa al meglio il gusto dei prodotti dell’orto saggiamente accostati insieme e che ricordano quelle tipiche assonanze della cucina di stampo mediterraneo fatte di sospiri e uomini grandi.

Sono venuto a conoscenza del Gurguglione solo quest’anno dovendo organizzare in Toscana una cena con alcune ricette tipiche delle isole Toscane d’Elba e Giglio.

Partendo dalla tradizione ho dato una mia versione del gurguglione che spero possa piacere ai più e non “alterare” troppo chi ritiene che le tradizioni siano intoccabili o che la “vera” ricetta sia un’altra.

Advertisement

Di questo piatto preferisco parlare della bellezza e della magnifica replica di assonanze che nella cucina di stampo mediterraneo accomuna aree a volte molto lontane, ma che negli stessi prodotti riconoscono un’anima di accostamenti, sapori, profumi, movimenti e danze organolettiche uguali.

Le differenze sono spesso solo sospiri, voglio dire un erba aromatica piuttosto che un altra, la cipolla invece del porro selvatico, l’aglio o lo scalogno, il peperone solo verde piuttosto che rosso e giallo, la zucchina e i suoi compagni tagliati in maniera diversa, il pomodoro fresco invece di quello conservato e così continuando a lungo.

Sospiri appunti perché poi come detto l’anima rimane la stessa, lo stesso sospiro che provo quando in una giornata come questa torna il ricordo di un anniversario doloroso e il saluto a un grande uomo.

Nel decimo anniversario della sua partenza questa è la decima ricetta dedicata ad Angelo Vassallo che con la Toscana e precisamente quell’angolo prominente il bellissimo parco della Maremma aveva un rapporto speciale fatto di altri uomini che con la sua essenza di bella libertà erano e sono in perfetta sintonia.

Questo piatto chiamato gurguglione rappresenta gli abbracci di queste persone a questo uomo che per loro è sempre qui e qui va abbracciato, qui almeno in questo piatto!!!

Gurguglione di costa

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 zucchine medie,
  • 2 piccole patate,
  • 2 carote medie,
  • 2 piccoli peperoni possibilmente verdi, in alternativa gialli,
  • 4-5 pomodori maturi,
  • 1 mazzetto di basilico fresco,
  • maggiorana secca,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare e tagliare le zucchine per il lungo in 4 parti riducendole poi alla lunghezza di circa 7-8 cm, sbucciare patate e carote e tagliarle più piccole delle zucchine, lavare i peperoni, eliminare picciolo e semi interni e tagliarli in striscioline larghe e lunghe quando le zucchine.
  2. Condire separatamente le verdure con un filo d’olio, poco sale e un pizzico di maggiorana, stenderle sempre separate in una pirofila e passarle nel forno caldo a 180 gradi per 10 minuti abbondanti.
  3. Nel frattempo lavare con cura i pomodori, pelarli (immergendoli brevemente prima in acqua bollente), dividerli a metà eliminando i semi interni e tritarli.
  4. Sbucciare e affettare la cipolla rossa, disporla in una padella con 2-3 cucchiai di olio e rosolarla per 5 minuti abbondanti, aggiungere i pomodori, salare e lasciare sul fornello altri 5 minuti circa.
  5. Unire le verdure cotte al forno e continuare a cuocerle nel fondo di cipolla e pomodoro per 5-10 minuti in base alla consistenza che deve rimanere soda, infine profumarle con il basilico spezzettato e servirle calde o fredde cospargendole con il prezzemolo tritato.
5 | 3 voto/i

Gurguglione la mia ricetta, tra sospiri e assonanze il ricordo di Angelo Vassallo - Ultima modifica: 2020-09-05T12:55:15+02:00 da Giuseppe Capano
Gurguglione la mia ricetta, tra sospiri e assonanze il ricordo di Angelo Vassallo - Ultima modifica: 2020-09-05T12:55:15+02:00 da Giuseppe Capano

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome