Siete a dieta? Non fatevi influenzare dagli amici


Gli anglosassoni chiamano good mood food (cibo da buonumore) il cibo consumato in allegria durante le occasioni conviviali. In effetti, la ricerca scientifica (ma, direi, anche l’esperienza di ciascuno di noi) ha rilevato che a tavola con gli amici si tende a mangiare di più. Non solo perché la situazione di piacere fa sentire il bisogno di gratificare in modo speciale il palato ma anche per semplici regioni di imitazione. Spesso, difatti, le nostre scelte alimentari vengono influenzate da quelle del vicino. Se quest'ultimo ordina i piatti più sfiziosi del ristorante o un megadessert, è assai probabile che anche noi sceglieremo piatti più sostanziosi di quanto avremmo normalmente ordinato se fossimo stati da soli o in famiglia. Sui comportamenti imitativi è stata pubblicata qualche mese fa su Appetite questa interessante ricerca nella quale i soggetti esaminati, in più gruppi, dovevano entrare in un locale e scegliere uno spuntino. Ebbene, è risultato che la gran maggioranza delle persone sceglievano gli stessi ssnack dei quali vedevano gli incarti lasciati dai gruppi precedenti. Tra l’altro, degli spuntini a base di cioccolato, e quindi tra i più golosi.

Insomma, visto che in occasione delle vacanze i momenti conviviali in genere sono piuttosto frequenti, cercate di far sì che il vostro good mood food sia anche light!

Ad esempio scegliendo un dessert light di frutta come quello di uva e pesche che vedete nella foto e che apporta solo 120 calorie!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome