In estate una coppa di gelato è una tentazione irresistibile, ancora di più se fatto in casa con alimenti scelti. Bastano una ciotola, un freezer e pochi ingredienti per realizzare un vero gelato d’autore. Ecco come…

5 ricette per il gelato: Gelato al latte di cocco - Gelato di tofu alle fragole - Gelato di yogurt alle fragole - Gelato al pistacchio con ciliegie - Gelato al tè

Il gelato è una merenda golosa e nutriente, soprattutto per i bambini. Certo è che, come tutti i cibi dolci, bisogna consumarlo con moderazione, preferendo prodotti di qualità. I gelati confezionati (ma anche la maggior parte dei gelati artigianali, purtroppo) per risultare sempre cremosi, morbidi e belli da vedere vengono addizionati di emulsionanti, addensanti e coloranti. Nei gelati biologici, invece, possiamo trovare solo stabilizzanti naturali come la farina di semi di carruba o emulsionanti come la lecitina di soia, additivi peraltro innocui, perché il prodotto confezionato deve essere stabile e mantenere una consistenza costante nel tempo. Scegliendo di fare il gelato in casa possiamo risparmiare, essere sicuri della qualità delle materie prime utilizzate e, una volta acquisita la tecnica, sbizzarrirci in preparazioni originali, miscelando spezie, erbe aromatiche e frutti particolari.
Unica indicazione: consumare subito tutto il gelato prodotto senza ricongelarlo.

Identikit del gelato

Il gelato è definito tecnicamente come “una preparazione cremosa, comunemente dolce, ottenuta mediante il raffreddamento, la solidificazione e la mescolatura di un liquido”. Se poniamo una crema o un succo di frutta in freezer otterremo il suo raffreddamento e di conseguenza la solidificazione: non avremo però un gelato, bensì un blocco ghiacciato duro e uniforme. Per ottenere una buona cremosità dobbiamo incorporare aria e fare in modo che i cristalli di ghiaccio, che si formeranno via via durante il raffreddamento, siano piccoli e ben distribuiti: è per questo che il gelato deve essere continuamente mescolato mentre viene raffreddato. Per far ciò la gelatiera ci viene in aiuto, riuscendo a raffreddare e contemporaneamente mantecare il composto liquido di partenza. Ma è possibile, con qualche semplice accorgimento, farne a meno, ottenendo comunque un gelato buono e cremoso. Vediamo come.

Gli ingredienti per farlo in casa senza difficoltà

Partiamo dal gelato più classico che c’è, la crema. Per ottenerlo dovremo procurarci solo latte, zucchero e tuorlo d’uovo. Naturalmente, più le materie prime saranno di qualità e migliore sarà il risultato finale. Per questo è importante utilizzare prodotti biologici: un latte intero bio, o magari biodinamico, con un buon apporto di grassi sarà sicuramente meglio di un latte convenzionale soprattutto se scremato, e quindi povero di grassi e di componenti aromatiche. A questa base sarà poi possibile aggiungere tanti diversi ingredienti per realizzare i nostri gusti preferiti: cioccolato grattugiato, crema di nocciola o semplicemente vaniglia, per fare degli esempi.
Sempre a partire da questa crema possiamo giocare sostituendo gli ingredienti base con altri, a seconda dei nostri desideri e dei nostri gusti. Ad esempio potremo utilizzare la panna al posto del latte, per ottenere un prodotto ancora più cremoso, oppure eliminare il tuorlo d’uovo. Potremo, al contrario, creare varianti vegan: ad esempio utilizzando panna vegetale da montare e la nostra bevanda vegetale preferita (soia, riso o altro), con l’aggiunta magari di crema di mandorle o di nocciole.
Una volta preparato il composto liquido che vogliamo rendere “gelato” abbiamo essenzialmente due strade: quella “istantanea” e quella “del lento raffreddamento”.

Tecnica istantanea

La prima soluzione prevede di far gelare il nostro composto in stampi per il ghiaccio: si ottengono così tanti piccoli cubetti ghiacciati da conservare in freezer fino al momento dell’utilizzo. Possiamo usare anche la frutta di stagione, lavata, tagliata in piccoli pezzi o frullata e congelata. Quando avremo voglia di un dessert gelato inseriremo qualche cubetto in un mixer tritaghiaccio e frulleremo al massimo della potenza per pochi secondi, facendo attenzione a non surriscaldare troppo il composto. Eventualmente, in questa fase possiamo aggiungere latte o panna molto fredda per aumentare la cremosità del gelato.

Tecnica del lento raffreddamento

L’altro procedimento consiste nel mettere in freezer un pentolino o una ciotola d’acciaio. Mentre si raffredda prepariamo la crema liquida, versiamola nel contenitore freddo e riponiamola in freezer.
Dopo circa 30 minuti estraiamo la ciotola e, con un cucchiaio di legno, mescoliamo il composto per rompere i cristalli di ghiaccio che si sono formati cercando, allo stesso tempo, di far incamerare aria. Possiamo anche utilizzare un frullatore a immersione. Riposizioniamo di nuovo la ciotola in freezer e ripetiamo questa procedura ogni 30 minuti per circa per due ore. A questo punto lasciamo riposare il gelato in freezer per un altro paio d’ore circa.

Ecco alcuni gelati tutti da gustare!

Gelato al latte di cocco
Difficoltà: Facile
Preparazione: 0 minuti
Cottura: 0 minuti
Ricetta di Riccardo Astolfi

Gelato di tofu alle fragole
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 0 minuti
Ricetta di Marlisa Szwillus

Gelato di yogurt alle fragole
Difficoltà: Facile
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 10 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Gelato al pistacchio con ciliegie
Difficoltà: Media
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 10 minuti

Gelato al tè
Difficoltà: Media
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 15 minuti
Ricetta di Barbara Toselli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here