Balsamo di limone


Melissa di novembre 318Leggevo oggi un libro che parla del rapporto tra mente e intestino, due intelligenze che a quanto pare convivono nello stesso corpo e si influenzano a vicenda tanto che curare l'una significa curare l'altra.
Nel corso dei secoli in realtà di questa relazione si è sempre un po' parlato nella saggezza popolare che ha fatto nascere proverbi, detti e precetti in cui si metteva in guardia dallo trascurare il rapporto tra ciò che si mangia, consuma e ingurgita, il come lo si fa e il perché.

Ma non è di questo libro in particolare che volevo parlarvi anche perché devo finire di leggerlo completamente, in un capitolo si parla dei contributi di erbe e spezie al benessere di mente e intestino e tra le tante si cita la melissa protagonista dell'ultima ricetta che ho pubblicato sul blog.
Così a integrazione di notizie su questa pianta che già avevo indicato e qui riporto aggiungo le interessanti informazioni contenute in questo libro.
Scrivevo già quattro anni fa a come è un peccato rinunciare alla persistente fragranza della melissa, la mitica “amica delle api”, una pianta dalle belle foglie verdi il cui nome è in assonanza con il miele.
Il tutto per via della dolcezza e la sacralità che entrambi hanno goduto fin dall’antichità, tanto che ai tempi dei Greci l’appellativo ”Melissa” era usato per celebrare le donne considerate sagge e ricche di virtù o le Sacerdotesse dei misteri di Eleusi e di Efeso che del nettare delle api facevano largo uso nei loro riti segreti.
Conosciuta anche con il nome di citronella o limoncina oltre a insaporire gradevolmente di limone le pietanze a cui viene aggiunta ha spiccate proprietà calmanti e sedative da sempre utilizzate per contrastare la depressione e il nervosismo, risollevare lo spirito, stimolare l’appetito e  facilitare la digestione.
Tutti aspetti estremamente utili per combattere anche a tavola lo stress tipico della società moderna, così oltre a “disporre la mente e il cuore all’allegria” come proclamava Avicenna nel X secolo avremo il piacere di gustare piatti freschi e invitanti.
Nella melissa poi sono contenuti due acidi di grande utilità e rilevanza, rispettivamente l'acido caffeico e quello rosmarinico con spiccata azione sedativa e antispastica particolarmente utile per la cura dell'intestino in tutti i suoi aspetti complessi.
Usufruiscono dei benefici di questa pianta disturbi come il colon irritabile, gastrite, nausea, vomito, cefalea, insonnia, nervosismo e molto altro.
È stata poi osservata e documentata con cura l'azione contro il virus herpes simplex di primo e secondo tipo e quello della varicella zoster con il risultato di creare e produrre una crema a uso esterno al concentrato di melissa.
Con le foglie si possono poi fare squisite e soavi tisane utile come antispastico, l'amico carissimo e grande intenditore di erbe Fabio Firenzuoli (forse un po' riduttivo presentarlo così spero mi perdoni!!!) ne indica l'uso per questo e diverse altre cose di cui però preferisco prima documentarmi ancora meglio.
Per la tisana in ogni caso è sufficiente mettere 1 cucchiaino di foglie sminuzzate in una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione 10 minuti possibilmente senza addolcire, la dolcezza al limone e miele arriva direttamente dalle foglie di melissa!!!
A proposito il titolo si riferisce alla traduzione dall'inglese di melissa.
Spero presto di portarvi altre utili informazioni su questa splendida pianta!

Melissa di novembre 518

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome