Le ricette degli altri
Vi piace la schiscetta fusion? Tre continenti dentro un’insalata

4.5 | 2 voto/i

Ecco una buona ricetta da portarsi al lavoro e che ci arriva direttamente dall’Associazione dei cardiologi Usa (AHA) nella quale l’orientale soia edamame si incontra con i fagioli neri, tipici americani, la “nostra” pasta integrale, la feta greca e l’olio extravergine. E in più, come bonus trovate i nostri 4 consigli per preparare una schiscetta ad arte

Un intero pasto in una ciotola, veloce da preparare, gustoso e salutare (e perfettamente compatibile con una dieta ipocalorica). E dalle decise suggestioni fusion per viaggiare un po', almeno a tavola.

In effetti non è certo un caso che sia presente tra le ricette che l’American Heart Association suggerisce per un’alimentazione sana e amica del cuore. Qui sotto trovate il mio adattamento per una persona, con qualche minima variante. Però, se preferite vedere la versione originale, vi basta cliccare qui.

Advertisement

Insalata di pasta integrale con edamame, fagioli neri e feta

Tempo di cottura: 10’   Tempo di preparazione: 10’  Vegetariano, basso impatto glicemico

Per una persona – 430 cal

40 g di penne integrali, 100 g di soia edamame surgelata, 50 g di fagioli cotti (preferibilmente neri), 20 g di feta, 1 cipollotto piccolo, 1 limone, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 1 cucchiaino di rosmarino tritato, olio e. v. d'oliva, sale; rucola o spinacini (facoltativi)

  1. Lessate la pasta al dente in acqua leggermente salata. Poi fatela raffreddare velocemente con acqua fredda.
  2. Versate la soia edamame ancora congelata in un pentolino d’acqua e lessatela per 5 minuti. Alla fine deve essere cotta ma ancora croccante.
  3. Risciacquate, se necessario, i fagioli neri dall’acqua di conserva, e poi tamponateli con carta da cucina.
  4. Mescolate in una ciotola la pasta con la soia, i fagioli, il prezzemolo, il rosmarino, il cipollotto in rondelle finissime, un cucchiaio raso d’olio, una grattugiata di scorza del limone e una spruzzata del succo. Se piacciono, aggiungete una manciata di rucola o di spinacini.
  5. Sistemate l’insalata nel contenitore da asporto e poi sulla superficie cospargete la feta sminuzzata con una forchetta. Al momento del consumo, rimescolate il tutto e spruzzatevi sopra (se vi è possibile) un po’ di limone per ravvivare l’insieme. È buona anche il giorno dopo.

Le 4 caratteristiche della schiscetta perfetta

Veloce. Tra preparazione e cottura calcolate al massimo 30 minuti di tempo: così facendo potrete riuscire a non farlo diventare un ulteriore compito da svolgere.

Trasportabile. Non preparatevi minestroni se poi non avete contenitori adatti per le pietanze brodose. Prima di mettervi a cucinare domandatevi sempre: come lo porto in ufficio?

Leggera. Fate attenzione ai grassi che, rallentando la digestione, rendono meno produttive le ore postprandiali. Calcolate una media di 2-3 cucchiaini di olio extravergine per tutto il pranzo e che un cucchiaio equivale a 2 cucchiaini.

Completa. I pasti misti, ossia quelli che contengono, in porzioni moderate, alimenti a base di carboidrati, di proteine, fibre, vitamine e pochi grassi sono quelli più raccomandabili. Sono completi, saziano a lungo e non si rischia di eccedere. In altre parole: un po' di tutto è meglio di uno solo e tanto. Un sistema molto comodo è quello di preparare dei piatti unici. Ovvero una base di cereali (cereali in chicchi, pasta o pane integrali, patate), da mescolare con ortaggi misti (possibilmente sia crudi che cotti), alimenti proteici (pesce o carne magri, uova, formaggi magri, legumi, tofu, seitan) e poco olio. La frutta la mangerete a parte o come spuntino.

Photo credits: American Heart Association

4.5 | 2 voto/i

Vi piace la schiscetta fusion? Tre continenti dentro un’insalata - Ultima modifica: 2021-01-27T17:48:09+01:00 da Barbara Asprea
Vi piace la schiscetta fusion? Tre continenti dentro un’insalata - Ultima modifica: 2021-01-27T17:48:09+01:00 da Barbara Asprea

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome