La torta salata con cavolo cappuccio viola è un piatto unico nutriente e semplice da fare: pochi ingredienti e poca manipolazione e cottura degli stessi. Questo scrigno ripieno di cappuccio saltato ha un sapore da scoprire; se volete aggiungere un maggior valore proteico create uno strato di formaggio, altrimenti saltate questo passaggio per ottenere un piatto vegan: il risultato sarà ugualmente eccezionale!

Difficoltà: facile
10 minuti
30 minuti forno

Ingredienti

Per persone

Istruzioni

  1. Affettate il cavolo cappuccio prima a fette di 2/3 mm, poi a quadratini. Affettate il porro a rondelle, compresa la parte verde. Se volete, utilizzate solo le parti verdi di due porri, conservando quelle bianche per le insalate a crudo.
  2. In una padella antiaderente rosolate con un filo d'olio extravergine di oliva cavolo cappuccio e porro, portandoli a cottura. Le verdure devono risultare al dente: aggiustate di sale e pepe.
  3. Scegliete una tortiera con i bordi non troppo bassi e foderatela con carta da forno. Adagiate il rotolo di pasta sfoglia e iniziate a farcire con la metà delle verdure.
  4. Grattugiate la fontina formando uno strato di formaggio; infine coprite con la restante verdura. Chiudete la torta e con la pasta sfoglia rimasta realizzate dei filoncini con cui creare una griglia e il cornicione. Spennellate con un po' di olio di oliva.
  5. torta salata cavolo cappuccio
    Infornate la torta salata a 180° nel forno già preriscaldato, per circa 30 minuti.

Note

Ravioli facili viola senza uova
Ravioli con cavolo cappuccio viola

Con l'acqua di cottura del cavolo cappuccio si preparano questi ravioli lilla deliziosi, senza uova

Voti: 18
Valutazione: 4.94
Tu:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa

Torta salata con cavolo cappuccio viola - Ultima modifica: 2020-01-03T05:37:26+01:00 da Chiara Fumagalli
Torta salata con cavolo cappuccio viola - Ultima modifica: 2020-01-03T05:37:26+01:00 da Chiara Fumagalli