Come si prepara un buon budino fatto in casa senza utilizzare la "busta" pronta? Semplice, basta utilizzare ingredienti freschi, leggeri, di qualità e il delizioso dolce al cucchiaio è pronto!

5 ricette per budini: Budino al cacao e noci - Budino freddo di mandorle al caffè - Creme caramel al cocco - Budini di ricotta allo sciroppo d'acero - Budino al limone

Il budino è un dolce rappreso con uova o gelatina che, una volta sformato, rimane compatto al limite, non deve cioè essere troppo consistente né sfaldarsi. In realtà è così facile e veloce preparare un budino con ingredienti freschi di qualità che è un peccato utilizzare prodotti semilavorati. Oltretutto i preparati per budino in commercio sono generalmente a base di fecolanti o gelatine in polvere, con aromi, naturali o artificiali, con polvere di uova, con conservanti.
7 regole per un budino naturale:
•    diminuire la quantità di panna;
•    limitare l’uso delle uova;
•    usare come dolcificante miele, malto o zucchero integrale;
•    utilizzare aromi (cioccolato, vaniglia, cannella) di primissima qualità;
•    preferire addensanti leggeri e vegetali come l’agar agar;
•    servire il dolce in giornata, per mantenere gli aromi precisi e intensi;
•    servire il dolce a temperatura ambiente o tiepido, per esaltarne il gusto.

2 Ricette base del budino

Budino all’uovo
Per legare un litro di latte o altro liquido occorre un minimo di 6 uova intere. Si mescolano le uova con il dolcificante (180 g per litro di liquido) e intanto si scalda il latte insieme agli aromi scelti (vaniglia, cioccolato, scorza di limone o altro). Si unisce poi il latte caldo alle uova e si mescola bene. Il preparato viene versato in uno o più stampi e cotto a bagnomaria in forno a 200 °C. Per gli stampi piccoli occorrono 40 minuti di cottura. Per gli stampi grandi, 60-70. Per verificare la cottura si scrolla leggermente uno dei recipienti. Se l’interno è compatto è pronto. Raffreddare e sformare prima di servire.

Budino rappreso con agar agar

È il metodo che dà più soddisfazione per la consistenza e la leggerezza del risultato; non occorre infatti usare né uova né panna. L’agar agar è un’alga del tutto insapore che ha un forte potere addensante. Ne bastano 5 grammi per legare 1 litro di liquido e ottenere così un budino della giusta consistenza senza l’uso delle uova. Se il liquido di partenza è molto fluido come può esserlo il latte o il succo di arancia, si può aggiungere l’agar agar direttamente all’inizio della preparazione insieme al dolcificante. Se, viceversa il liquido di partenza è un po’ più denso come una crema o una composta di frutta, occorre prima sciogliere l’agar agar in un po’ di acqua e quindi aggiungerlo alla preparazione. In entrambi i casi occorre però scaldare l’intera preparazione sul fuoco e mescolare vigorosamente con una frusta sottile, perché l’agar agar esplica il suo potere addensante a caldo e deve amalgamarsi bene con tutto il resto per evitare che una volta versato nello stampo il budino si separi.

Ecco le nostre originali e golose proposte.

Budino al cacao e noci
Difficoltà: Facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 10 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Budino freddo di mandorle al caffè
Difficoltà: Media
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 15 minuti
Ricetta di Giovanni Allegro

Crème caramel al cocco
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 35 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Budini di ricotta allo sciroppo d'acero
Difficoltà: Media
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 30 minuti
Ricetta di Paola Elia

Budino al limone
Difficoltà: Media
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 10 minuti
Ricetta di Toni e Gabriele Gugliemetti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here