Voti: 1
Valutazione: 4
Tu:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Crea un menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Media
30 minuti
15 minuti
Impatto glicemico
290 chilocalorie

Ingredienti

Per persone
Per il caramello

Istruzioni

  1. Scottate le mandorle per qualche istante in acqua bollente e pelatele subito, quindi tritatele finemente insieme ai pinoli. Versate questo trito in una ciotola insieme alla vaniglia incisa per il lungo e al latte di riso, mescolate e lasciate riposare per 20 minuti.
  2. Versate il composto alle mandorle in una pentola, unite l’agar agar, un pizzico di sale e fate sobbollire per qualche minuto fino al completo scioglimento del gelificante. Eliminate la vaniglia, unite il malto di grano, la scorza di limone, il caffè espresso e in polvere, quindi mescolate con cura.
  3. Stemperate la maizena in poca acqua fredda e incorporatela al composto, continuate a mescolare su fuoco moderato finché il tutto sarà addensato, levatelo dal fuoco e distribuitelo in 8 stampini o coppette. Una volta freddi, metteteli a rassodare in frigorifero per almeno un’ora.
  4. Preparate il caramello prima di servire, riunendo in un pentolino il malto, il caffè espresso e la punta di un cucchiaino di cannella; portate a ebollizione e fate sobbollire per 5 minuti.
  5. Sformate nei piattini i budini freddi (se in invece li sentite poco sodi lasciateli negli stampi), decorateli con il caramello ancora tiepido e servite.
Voti: 1
Valutazione: 4
Tu:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Crea un menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Budino freddo di mandorle al caffè - Ultima modifica: 2016-11-17T19:45:49+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome