Ferro, alimenti e una prossima insalata ferrosa

Fresh spinach in metal colander over wooden background
5 | 1 voto/i

Questo sale minerale è estremamente preziosa per la nostra salute e non dobbiamo mai sottovalutare la sua carenza, per questo occorre scegliere i cibi giusti e combinarli saggiamente insieme

Il ferro è un sale minerale fondamentale per la salute umana, emoglobina e mioglobina ne sono strettamente dipendenti e influenzati dalla sua percentuale assimilata o meno e non è un elemento da poco perché da loro dipende quanto ossigeno riceve l’organismo in tutti i suoi organi.

Non solo questo i “ferro dipendenti” sono tanti altri protagonisti della salute come alcuni particolari enzimi incaricati di produrre ormoni e tessuti per non parlare delle difese immunitarie nel loro complesso che rischiano di calare in maniera pericolosa.

Diventare anemici può essere un attimo o per meglio dire può essere l’infausto risultato di un continuo scarso consumo di alimenti contenenti ferro.

Il tutto può tradursi in un calo delle concentrazione, stanchezza cronica importante, disturbi gastrointestinali, problemi di regolazione interna della temperatura.

È nostro dovere quindi preoccuparci di introdurre con la dieta e i piatti che cuciniamo una sufficiente dose di ferro scegliendo il cibo adatto a questo scopo.

Lo troviamo in due filoni del tutto diversi di alimenti, in quelli di origine animale come carne e pesce la sua assimilazione è facilitata dal fatto che non è influenzato dalla presenza delle altre sostanze organiche oltre all'esistenza di tratti della mucosa intestinale specializzati nella ricezione di questo tipo di ferro.

Nei vegetali il ferro è normalmente presente a volte anche in abbondanza ma sotto una forma diversa definita non-eme influenzata nell’assorbimento organico dalla presenza o meno di alimenti accompagnatori che possono favorire o contrastare l’assorbimento di ferro.

In un quadro di alimentazione vegetale che è quello che preferiamo risulta quindi fondamentale scegliere ortaggi, verdure, legumi e cereali abbinati con cibi paralleli che possono favorire l’assimilazione del loro particolare ferro.

In presenza di ortaggi che contengono contemporaneamente buone quantità di ferro e di vitamina C come ad esempio broccoletti, rucola e tutta la famiglia dei cavoli in generale possiamo essere tranquilli perché proprio la vitamina C favorisce il giusto fruire del ferro.

Importante è però che nello stesso piatto non ci siano troppi inibitori come ad esempio dosi eccessive di latticini ad alto contenuto di Calcio, fitati presenti in alcuni legumi e cereali (in base al trattamento che hanno subito durante l’ammollo in acqua), tannini del caffè o del tè.

Ma possiamo sempre contare su alleati esterni importanti come il limone, questo frutto è davvero una risorsa che non dobbiamo mai farci scappare e consumarlo di frequente può essere un vero toccasana per tanti aspetti.

Qui però ci interessa il suo alto livello di vitamina C, quando ad esempio consumiamo verdure a foglia come crescione, spinaci, erbette, ortica, bietoline e così via ricordiamoci di includere in una qualche forma del succo di limone.

Nel caso degli spinaci torna utile usarlo sia quando li degustiamo cotti brevemente tramite lessatura o vapore, sia quando li preferiamo a crudo in una insalata.

Un buon esempio di combinazione potrebbe essere una insalata con abbondanti piccoli spinaci a crudo, della rucola verde, carote a julienne, arance in piccoli cubetti, volendo delle cimette di broccoletti appena scottate, scaglie di mandorle, semi di sesamo e girasole lievemente tostati.

E partendo da questo spunto vediamo se riesco a breve a realizzare un insalata ferrosa che sia estremamente buona e estremamente utile all’organismo!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome