Foglie o coste?


Ortaggio adatto a tutti i piatti e a tutti i palati, la bietola si presta sia a essere consumata bollita, sia a far parte di ripieni, torte, o ricette più complesse

5 ricette con le bietole: Bietole in agrodolce - Risotto alle erbette con acciughe e funghi - Torta d'erbi - Zuppa di lenticchie e bietole - Cannelloni alle erbette

Il significato etimologico del termine bietola discende, probabilmente, dalla radice celtica “bett”, rosso, alludendo al colore rossastro delle radici della Beta vulgaris, la nota bietolina di campo, molto comune negli incolti di campagna. Accanto alla pianta spontanea, le varietà presenti sul mercato sono le “erbette”, simili agli spinaci, dalla foglia leggermente allungata, e le “coste” dette anche “bietole da costa” per l’ampia nervatura bianca che solca l’intera foglia.
Per l’alto contenuto d’acqua (circa il 94%), la bietola è uno degli ortaggi meno calorici. E' un alimento particolarmente ricco di vitamina A, ferro e potassio, con una discreta quantità di magnesio e calcio. L’elevato contenuto di acido ossalico e sodio, invece, fanno della bietola un ortaggio poco adatto a coloro che soffrono di ipertensione. Da non sottovalutare sono la sua azione lassativa e quella depurativa del sangue, e infine diuretica. Inoltre, grazie alle sue proprietà emollienti e disinfiammanti è indicata nei casi di stitichezza ed infiammazioni.
In cucina la bietola è adatta alla preparazione di ripieni per la pasta e gli sformati; ottima è nei soufflé, nelle minestre, nei risotti, nelle insalate cotte o crude, è un po’ come il prezzemolo che si può mettere ovunque.

Ecco alcune proposte con le bietole.





Foglie o coste? - Ultima modifica: 2015-02-03T00:00:00+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome