La farina, gli additivi e il pane fatto in casa

4 | 1 voto/i

La trasmissione di Rai3 Indovina chi viene a cena dedicata al pane industriale ha sollevato il velo sugli additivi presenti nel pane industriale.

Additivi nascosti

Acido fosforico, acido ascorbico, L-cisteina, biossido di silicio, enzimi, glutine secco e altri ancora sono usati per migliorare le performance dell'impasto e rendere il pane lavorabile velocemente, o rendere l'impasto particolarmente elastico, per esempio per preparare le pizze. Essendo additivi di un ingrediente (cioè la farina) e non direttamente del prodotto (il pane), sono classificati come "coadiuvanti tecnologici" e non c'è obbligo di indicarli in etichetta.

Pane finto integrale

Si è parlato anche della macinazione del grano, che porta alla separazione del chicco in tante diverse componenti, dalla farina più bianca alla crusca. E dei finti prodotti integrali, ottenuti rimettendo insieme parti del chicco, ma non quelle più deperibili, come il prezioso germe di grano, ricco di grassi insaturi e vitamine, che renderebbe il tutto più velocmente ossidabile.

La necessità di usare il lievito naturale

Vero è che mangiare pane integrale lievitato velocemente solo con lievito di birra non è la soluzione ideale, perché componenti importanti come i sali minerali presenti nelle parti esterne del chicco risultano meno assimilabili dal nostro intestino. La soluzione è far lievitare l'impasto con calma usando la pasta madre.

Insomma, nel caso del pane le innovazioni tecnologiche non hanno fatto un gran servizio al consumatore, se togliamo il prezzo, che risulta certamente più basso se si fanno lavorazioni veloci e meccanizzate. Ma ci si perde in genuinità, autenticità, salute e sapore!

Ecco 5 ricette di pane fatto in casa con il lievito naturale





 

 

La farina, gli additivi e il pane fatto in casa - Ultima modifica: 2017-02-28T15:07:28+00:00 da Venetia Villani

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome