5 | 5 voto/i

Una buona torta integrale salata rimasta nel cassetto per molti anni e ora riportata alla luce come merita mi ricorda di come le ricette e i piatti sono spesso legati ad avvenimenti, persone, momenti, suggestioni e attimi di condivisioni fraterne. Nella sfoglia le fibre integrali sanno farsi strada senza troppi grassi a legarli, nel ripieno due prodotti stagionali dell’orto in apparenza agli antipodi si uniscono gustosamente in quella che è anche una bella metafora della vita!

Spinaci e indivia belga sono i due protagonisti orticoli di questa mia vecchia ricetta che per qualche motivo è rimasta tra i meandri dell’archivio passato fino a quando l’altro giorno mi è ritornata in mente perché legata a un episodio di vita.

Per me quasi sempre le ricette e i piatti sono legati ad avvenimenti, persone, momenti, suggestioni, attimi di condivisioni o a volte di solitudine, tutti quei contesti in cui la cucina diventa una sorta di madre accogliente che ti accoglie a prescindere e non ti chiede mai il motivo del perché sei ritornata da lei!

Advertisement

La combinazione spinaci e indivia belga non è così frequente in effetti, qui l’intuizione è nata durante uno dei corsi di cucina per ragazzi con disabilità che per diversi anni ho avuto l’onore di portare avanti nella città di Milano.

Esperienza umanamente incredibile in cui quelli spesso a torto considerati “anormali” ci davano giornalmente lezioni di comprensioni profonde oltre le apparenze del linguaggio e della comunicazione.

Allora il cibo, la sua trasformazione e il suo successivo consumo piacevole erano una sorta di porta tra spazi e mondi paralleli in cui intendersi lasciando perdere tutti i mezzi comunicativi usuali.

L’intuizione quindi che spinaci e indivia belga fossero adatti a realizzare una torta salata integrale è stata di tutti, all’inizio attraverso grandi risate e ironie, poi con la gioia letta negli occhi di assaporarne la bontà finale!

La gioia negli occhi di quei ragazzi la rivedo ancora adesso e mi emoziona, con grande piacere scrivo allora quella ricetta qui sul blog e ne lascio una traccia concreta sperando sia da tutti apprezzata!!

Torta salata integrale con indivia belga e crema di spinaci

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 g di farina bianca,
  • 100 g di farina integrale,
  • 100 ml circa di acqua,
  • 600 g di spinaci freschi,
  • 1 cipolla,
  • 250 g di ricotta,
  • 3 cespi di indivia belga,
  • pepe,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mescolare insieme le due farine con un pizzico di sale e disporle a fontana su una spianatoia, impastarle con 2 cucchiai di olio e la sola acqua fredda necessaria a ottenere un impasto morbido da avvolgere in un panno e lasciare riposare per almeno 30 minuti.
  2. Nel frattempo mondare gli spinaci dalla radice finale e lavarli con cura, sbucciare e tritare la cipolla, rosolarla per 10 minuti scarsi in una padella dal fondo pesante insieme a 2 cucchiai di olio, aggiungere poco per volta gli spinaci, salarli e cuocerli per 10 minuti.
  3. Intiepidirli e frullarli con la ricotta fino a ottenere una crema uniforme, mondare e lavare l’indivia belga, tagliarla in 4 spicchi per il lungo e condirla con un pizzico di sale, una macinata di pepe e 2-3 cucchiai di olio, disporla in una teglia e cuocerla nel forno caldo a 190 gradi per 10 minuti.
  4. Stendere sottilmente l'impasto e sistemarlo in una tortiera per crostate con bordi scannellati da 26 cm leggermente oliata, far aderire i brodi premendo con cura sule scannellature, bucare il fondo con una forchetta e tolta l'indivia cuocere nello stesso forno la base vuota per 15-20 minuti circa.
  5. Travasare la base cotta in un vassoio e farcire l'interno con la crema di spinaci calda, disporre in maniera decorativa gli spicchi di indivia e servire.
5 | 5 voto/i

Spinaci e indivia belga per un ottima torta salata integrale! - Ultima modifica: 2022-01-25T11:25:06+01:00 da Giuseppe Capano
Spinaci e indivia belga per un ottima torta salata integrale! - Ultima modifica: 2022-01-25T11:25:06+01:00 da Giuseppe Capano

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome