Flatbread
Una sana schiacciata di ceci e sorgo che arriva da lontano

4.8 | 4 voto/i

Tempo di mettere in dispensa farine alternative, buone, salutari. Come quelle di ceci e di sorgo, ad esempio. Ecco allora una rivisitazione, veloce e saporita, della mediterranea farinata che ci arriva dall’AICR Usa

Loro la chiamano “flatbread” ossia "pane schiacciato" ma per noi questa ricetta è una interessante versione della farinata. A proporcela è l’AICR Usa, ossia l’Associazione americana per la ricerca sul cancro, che da sempre è un punto di riferimento sull’alimentazione da seguire per mantenersi in salute (oltre che proteggersi dai tumori). E in effetti la ricetta che vedete nella foto (qui trovate il link originale) è composta quasi interamente da alimenti considerati protettivi: legumi (farina di ceci), cereali integrali (farina di sorgo), semi di lino e aglio.
La farina di ceci viene mescolata alla farina di sorgo dal sapore lievemente dolce che bilancia la "terrosità" dei ceci. Il sorgo è un cereale senza glutine il cui consumo sta crescendo anche in Italia e la sua farina è una ottima – nonché nutriente - alternativa. La trovate per lo più nei negozi di alimentazione naturale o specializzati nel gluten-free. Entrambe le farine sono ricche di fibre, proteine ​​e una buona fonte di sostanze come il ferro. I semi di lino completano con i preziosi grassi antinfiammatori omega 3.

Farinata di ceci e sorgo con aglio e rosmarino (Rosemary Garlic Flatbread)

Tempi di preparazione: 10’ (più il riposo)

Tempi di cottura: 45’

100% vegetale, senza glutine e latticini, basso impatto glicemico

Per 8 porzioni
2 tazze di farina di ceci (300 g), 3/4 di una tazza di farina di sorgo o di altro cereale a scelta (110 g), 1/4 di tazza di semi di lino dorato (40 g), 1/4 tazza di succo di limone (60 ml), 1 piccola testa d'aglio, 1 cucchiaino di sale, olio e. v. d’oliva, mezzo cucchiaino di scorza di limone grattugiata, 4-5 rametti di rosmarino fresco (o 1 cucchiaio essiccato), 1 cucchiaio olio e. v. d'oliva, sale

  1. Accendete il forno a 230 °C. Quindi tagliate la calotta della testa d’aglio per esporre gli spicchi. Avvolgete la testa in un foglio di alluminio o di carta da cucina e infornatela per circa 30 minuti.
  2. Mescolate in una grande ciotola la farina di ceci con la farina di sorgo, i semi di lino leggemente schiacciati, il sale, la scorza grattugiata e il rosmarino tritato fine. Di seguito, lavorando con una frusta, amalgamate il succo di limone e poi l'acqua necessaria (circa 480 ml) per ricavare una pastella morbida. Non mescolate troppo a lungo: alcuni piccoli grumi vanno bene. Se possibile, lasciatela riposare per almeno 30 minuti (più a lungo e meglio è).
  3. Levate l'aglio dal forno quando gli spicchi diventano morbidi e poi spremeteli ricavando la polpa. Sminuzzate l’aglio e amalgamatelo alla pastella.
  4. Oliate in modo uniforme una teglia bassa da circa 30 cm di diametro e infornatela a 230 °C una decina di minuti prima di cuocere la pastella, in modo da scaldarla bene.
  5. Stendete nella teglia, passato questo tempo un terzo o metà dell’impasto (a seconda di quanto spessa preferite sia la farinata) inclinandola per ricoprirla uniformemente. Infornate per 10-15 minuti o finché i bordi si sollevano facilmente dalla padella con una spatola e il fondo risulta ben dorato. Accendete il grill e proseguite per 2-3 minuti o fino a quando la superficie inizia a dorare.
  6. Sfornate, sistemate la farinata su un tagliere e servitela a spicchi. Se volete, proseguite infornando la pastella restante.

Valori nutrizionali per porzione: 180 calorie, 6 g di grassi totali (0,5 g di grassi saturi,  0 g di grassi trans), 0 mg di colesterolo, 34 g di carboidrati, 7 g di proteine, 7 g di fibre

Photo credits: AICR USA

4.8 | 4 voto/i

Una sana schiacciata di ceci e sorgo che arriva da lontano - Ultima modifica: 2020-03-31T18:07:19+00:00 da Barbara Asprea
Una sana schiacciata di ceci e sorgo che arriva da lontano - Ultima modifica: 2020-03-31T18:07:19+00:00 da Barbara Asprea

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome