Masticare bene fa mangiar meno ma non per sempre!


Nella costante lotta al sovrappeso, la ricerca cerca di comprendere sempre meglio i meccanismi legati al senso di sazietà (con la speranza di potervi intervenire in futuro per contrastare l’obesità). Non fa eccezione questo studio pubblicato sul British Journal of Nutrition nel quale i ricercatori dell’Università dello Iowa hanno testato in un gruppo di volontari con peso normale gli effetti, sia sul metabolismo che sulla sazietà, di una masticazione più o meno prolungata.  Ai volontari, dopo il digiuno notturno, è stato chiesto di masticare ogni boccone di una fetta di pizza (uguale per tutti) per 16 oppure per 40 volte. I risultati dei test sanguigni eseguiti dopo hanno mostrato nei “masticatori” una concentrazione plasmatica cambiata in due significativi marcatori: un aumento del cck (che inibisce il senso di fame) e un calo di grelina (chiamato l’ormone della fame perché quando aumenta induce l’appetito). E in effetti i masticatori sono stati quelli che hanno denunciato di essere sazi molto di più rispetto all’altro gruppo e per un periodo prolungato di tempo. Sempre nei masticatori è stato rilevato anche un aumento veloce della glicemia postprandiale a causa di un più veloce assorbimento dovuto alla migliore frantumazione del cibo e, quindi, a un rilascio in circolo più rapido di sostanze nutritive. Infine, nella ricerca non sono state evidenziate differenze nel comportamento alimentare al pasto successivo; di conseguenza per mangiare meno bisogna ricordarsi di masticare a lungo in ogni pasto. Un ottimo modo è quello di scegliere alimenti che naturalmente hanno bisogno di essere masticati con cura come i cereali integrali (ad esempio, questa bella ricetta di riso integrale che vedete nella foto) che, in più, fanno bene alla salute!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome