Giornate d’inverno: attenzione alla vitamina D


In questi giorni stavo rivedendo la seconda edizione di “Prevenire l’osteoporosi” che fra qualche mese sarà allegato alla rivista Cucina Naturale e, mentre leggevo quello che ho scritto, pensavo che stavo ignorando un importante consiglio che ripeto più volte e che riguarda la vitamina D (della serie: predico bene e razzolo male…). Questa vitamina è fondamentale per l’assorbimento del calcio ma viene “fabbricata” dalla nostra pelle solo se stimolata dai raggi solari. Si è accertato che un’esposizione solare di almeno 15 minuti al giorno sarebbe sufficiente per garantirci il fabbisogno, stimato per gli adulti tra i 10 e i 15 mcg oppure tra le 400 e le 800 UI (Unità Internazionali). Insomma, in queste brevi giornate invernali, dove il sole è poco presente (specie qui al nord), bisognerebbe fare un po’ come le lucertole ed esporre al sole la faccia, gli avambracci, insomma un po’ di pelle scoperta. Magari approfittando dell’ora di pausa dal lavoro. Oltre al sole, anche il consumo regolare di alimenti contenenti vitamina D è importante: qui sotto ho riportato le fonti principali, ma in genere i pesci dei freddi mari nordici ne sono le fonti più ricche.

Anguilla         5000 UI

Burro             40 UI

Fegato           50 UI

Formaggio Emmental 100 UI

Funghi           150-300 UI

Latte              0,5-4 UI

Olio di fegato di merluzzo 8500 UI

Salmone       650 UI

Sardine         300 UI

Sgombri        50 UI

Uova              200 UI

 

Attenzione però: la vitamina D agisce sinergicamente con il calcio: inutile mangiare cibi ricchi di D se poi non si ingerisce neanche un grammo di calcio e si va avanti a panini e bistecca. Al contrario, un piatto di salmone - come quello della ricetta fotografata - impanato nel sesamo e con una bella insalata di rucola (alimenti contenenti calcio) è un’associazione perfetta per le ossa e per il palato.

 


Giornate d’inverno: attenzione alla vitamina D - Ultima modifica: 2013-02-06T12:46:31+01:00 da Barbara Asprea
Giornate d’inverno: attenzione alla vitamina D - Ultima modifica: 2013-02-06T12:46:31+01:00 da Barbara Asprea

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome