Ricette col basilico genovese
Profumate foglie di basilico

Foto di Luca Colombo

Il basilico più prezioso è quello genovese, l’unico ad avere ottenuto il riconoscimento Dop. Provatelo su piatti a base di cereali e verdure e ne scoprirete l’inconfondibile essenza

Introdotto nel Mediterraneo dagli antichi Romani, che lo utilizzavano soprattutto per le sue virtù curative, il basilico genovese Dop è coltivato in tutto il versante tirrenico della Liguria ma in particolare a Genova nel quartiere Prà. Le sue piccole foglie di colore verde chiaro hanno un aroma molto intenso, privo di quelle tracce di menta che si riscontrano nelle altre varietà di basilico. Questa particolarità lo rende molto pregiato e ne fa l’ingrediente d’elezione del famoso pesto genovese, la salsa tipica della cucina ligure diventata famosa in tutto il mondo.

Come gustarlo al meglio

Il suo aroma si abbina molto bene a piatti a base di cereali, al pesce e, più in generale, alle verdure mediterranee come melanzane, zucchine, peperoni e pomodori. È preferibile aggiungere il basilico crudo, all’ultimo momento, spezzettandolo con le dita per fare sprigionare al meglio tutti gli oli essenziali contenuti nelle foglie. Il basilico genovese Dop è commercializzato fresco in mazzetti e in bouquet contenenti più piantine con il marchio che ne attesta la Denominazione di origine protetta.

 

Scopriamo insieme alcune ricette al profumo di basilico.

Spaghetti di cetriolo con pomodori, basilico e olive
Difficoltà: facile
Preparazione: 35 minuti
Cottura:
Ricetta di Paola Galloni

Omelette al basilico con insalata di patate e pomodori grigliati
Difficoltà: facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 30 minuti
Ricetta di Paola Galloni

Zucchine ripiene di tofu al basilico
Difficoltà: facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Paola Galloni

Lasagna caprese
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 5 minuti
Ricetta di Barbara Toselli

Ghiaccioli al limone e basilico
Difficoltà: facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 15 minuti
Ricetta di Barbara Toselli

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here