Dessert alla frutta
Cachi per dessert

cachi
2.9 | 7 voto/i

Frutti gourmand e ricchi di vitamina C, i cachi conquistano per la loro polpa dolce e cremosa. Gustiamoli semplicemente al naturale con il cucchiaino oppure attraverso golosi dolci in grado di sedurre tutti

La pianta del cachi è originaria dell’estremo Oriente, dove è considerata l’albero delle sette virtù. I suoi frutti hanno una polpa dolcissima, simile a una morbida crema, ricca di caroteni, vitamina C e minerali, sostanze importanti per affrontare meglio i rigori dell’inverno, tanto da meritare il nome scientifico di Diospyros kaki ossia “bacca degli dei”.

I cachi possono essere distinti in due gruppi:
•    Quelli che si formano per effetto della normale fecondazione operata dal polline, caratterizzati dalla presenza di semi variabili da uno a otto, subito commestibili.
•    Quelli che si formano senza fecondazione (frutti privi di semi) che devono essere consumati a maturazione completa, in quanto i tannini presenti conferiscono alla polpa un carattere “allappante”, ossia che “lega” i denti.

Advertisement

Tra le varietà più conosciute ci sono il Loto di Romagna, il Vaniglia della Campania, il Fuyu, il Kawabata e il Suruga caratterizzato da polpa dura. Nel caso acquistiate dei frutti maturi, accertatevi che siano integri e sodi, seppure cedevoli al tatto. È preferibile evitare l’acquisto di frutti troppo acerbi, in quanto le diverse parti possono maturare in maniera differente fra loro.

Questi frutti, fantastici da gustare al naturale, sono anche ottimi come ingrediente per la preparazione di vere ghiottonerie, in grado di sedurre il palato di grandi e bambini. Ve lo dimostriamo con queste 5 ricetta...





2.9 | 7 voto/i

Cachi per dessert - Ultima modifica: 2021-12-03T06:31:23+01:00 da Redazione
Cachi per dessert - Ultima modifica: 2021-12-03T06:31:23+01:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome