Un frutto verde speranza

Kiwi

KiwiQuesta sera sono arrivato stanco all'appuntamento con il blog, nei prossimi 4 giorni mi prendo una pausa di breve vacanza, per cui sarò un po' meno presente, anche se ho un buon repertorio di ricette pronte da poter pubblicare, anzi la prossima credo sia quella da cui prende spunto il succinto post di oggi.
Sui kiwi.

Ci riflettevo oggi leggendo alcune cose, poi la mente mi ha portato a una recente recensione che ho fatto su un libro per bambini che riportava una stagione di questo frutto incredibilmente sbagliata, e si che ormai è di fatto diventato un frutto del tutto Italiano con la propria e specifica fase di raccolta in autunno inoltrato.
Questa lotta sulla stagionalità è veramente estenuante, alla maggioranza delle persone importa veramente poco, incredibilmente poco.
Comunque torniamo ai kiwi, frutti adorabili e che apprezzo molto, ottimi in tantissimi dessert, a novembre ho provato una serie di ricette dolci approfittando della consueta scorta che mi arriva da uno dei cugini di mia suocera che ha un esteso campo di kiwi nelle campagne del mantovano.
Tenuti in cantina i superstiti sono ancora in un discreto stato di conservazione, parliamo di alcune cassette che mi erano arrivate, mica potevo mangiarle tutte in un istante!!
Ad avere tempo avrei anche preparato delle buone marmellate, ma ci manca anche questa e poi veramente non dormo neanche più la notte. Comunque per parlare di questo ottimo frutto vi rimando al buon articolo presente qui, nella stessa pagina trovate altre ricette dolci con kiwi, non solo mie.
Quella mia che penso pubblicherò domani o a breve è quella che vedete in foto, ma veramente non c'è la faccio a scriverla sul blog, ho bisogno di dormire!!!!

Kiwi

1 COMMENTO

  1. Buondi’ caro Giuseppe e ben ritrovato!
    Il kiwi è un frutto che amo a piccole dosi pur conoscendo le sue innumerevoli virtù: troppo acidulo per le mie papille e antipatico da sbucciare, ma quando si fa gustare lo apprezzo. Avevo visto una ricetta su vecchio numero di Cucina Naturale che prevedeva il suo involucro come coppetta di un dessert al cucchiaio (come quello in foto, per capire). Ci avevo fatto un mezzo pensiero. Ma poi, ..che dire, la mia neonata manualità (unita alla nota acidula del frutto!) aveva lasciato questa ricetta in stand by. Come il trascorrere degli anni mi ha insegnato, tante cose si rivalutano e quindi, aperta come sono verso le novità, ci metterò del mio per mettere in pratica nuove esperienze.
    Buon riposo..
    Sissa

  2. Spero tu abbia dormito bene 🙂
    I kiwi mi piacciono, ma non li compro spesso, ho letto da qualche parte che hanno bisogno di tantissima acqua per riuscire bene, ma non riesco a ritrovare il link. Se lo trovo ritorno 😉

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome