Merende o merendine? Ragioniamoci su


Nel pomeriggio, è molto comune dare ai bambini una merenda dolce, confeziona­ta, già all’uscita da scuola. Una di queste merendine dolci apporta intorno alle 130-150 Calorie, ma pesa solo una trentina di grammi (quelle più pesanti tipo tortine, crostatine al cacao, muffin o brioche, possono arrivare alle 200 Calorie). In più è morbida: bastano due bocconi ed è già finita. La fame però, quella è  rimasta, allora è facile che se ne mangi un’altra. Se poi ci aggiungiamo un succo di frutta o un brick, in pochi minuti si sono raggiunte o superate le 400 Calorie, l’equi­valente di un piatto di pasta da 100 g condita con pomodoro e un cucchiaino di olio. In pratica, un altro pasto. Comprando l’agognato pacchetto di patatine ai nostri figli gli diamo l’equivalente calorico di sei porzioni di patate bollite, che nessun genitore si sognerebbe mai di far mangiare a merenda!

Sarebbe tuttavia riduttivo imputare ai prodotti industriali l'eventuale sovrappeso dei nostri fi­gli, che è dovuto a più ragioni. Certamente, il loro uso va controllato e possibilmente non deve diventare abituale. In estate, ad esempio, alternate il gelato (che mediamente apporta intorno alle 250 Calorie) a merende più semplici, come uno yogurt ben refrigerato. Chi l’ha detto, tra l’altro, che la merenda deve essere dolce? Il miglior momento della giornata per soddisfare la nostra voglia di alimenti zuccherini è al mattino. Provate a proporre una colazione dolce e una merenda salata, o meno dolce. Ad esempio, un panino integrale di 50 g apporta 130 Calorie, ma è decisamente saziante. Arriva a 200 Calorie se farcito a scelta con poco formaggio magro e del pomodoro, o con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva e pomodoro, o con due fette di affettato magro o ancora – quando si ha voglia di dolce - con due cucchiaini di marmellata o uno abbondante di miele. Le calorie restano contenute, ma con questo genere di merende il desiderio del bambino è più appagato. Possiamo aggiungere un frutto, dell'acqua  e la merenda è completa: si può arrivare a cena. Oppure, se siete a casa, potete proporre la frutta sotto forma di invitante spiedino come nella bella - e buona  - ricetta fotografata.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome