E se il sole in inverno aiutasse a ingrassare meno?


Chissà, forse è stata trovata un’ulteriore ragione che spiegherebbe perché in inverno diventa più facile ingrassare e meno dimagrire. E che ancora una volta sarebbe legata ai meccanismi legati alla nostra evoluzione che ci hanno consentito di sopravvivere ai periodi di carestia come, appunto, la stagione fredda.

In uno studio appena pubblicato su Scientific Report di Nature, un gruppo di ricercatori universitari ha dimostrato che le cellule adipose che si trovano appena sotto la  pelle si restringono quando vengono esposte alla luce solare, rilasciando in circolo goccioline di grasso. In altre parole, queste cellule sottocutanee  grazie alla loro sensibilità alle luce potrebbero essere una sorta di orologio biologico periferico che regola i ritmi circadiani dell’organismo.
Da segnalare che la cosiddetta luce blu è quella che, oltre al sole, viene emessa dai dispositivi digitali come gli smartphone o i tablet, e che di notte influisce in modo negativo sulla qualità del sonno.  Mentre al mattino, cosa c'è di meglio dei raggi solari  per tirarsi su da  letto?

Allo stesso modo, secondo i ricercatori l'esposizione alla luce del sole a seconda della stagione può influenzare la quantità di grasso presente nell'organismo. Se con il buio viene favorito lo stoccaggio di grasso come deposito, questo poi verrà “bruciato” grazie alla forte luce solare della bella stagione.

Anche se è decisamente presto consigliare di mettersi sotto al sole per dimagrire, questa nuovo studio ha aperto nuovi indirizzi di ricerca interessanti. E forse può motivarci per fare qualche salutare passeggiata all’aperto in più sotto il sole d’inverno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome