Un contorno fresco, leggero e sfizioso perfetto per sfruttare tutte le proprietà del cetriolo

Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Facile
20 minuti di preparazione
5 minuti di cottura
270 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura

Istruzioni

  1. Scaldate in un pentolino 3 cucchiai d’acqua insieme allo zucchero.
  2. Ricavate la scorza del limone con un pelapatate (o con l’apposito strumento per pelare gli agrumi) facendo attenzione a escludere la parte interna bianca, dal sapore amaro. Tagliatela a striscioline e poi tuffatela nello sciroppo, lasciando che lentamente assorba tutto il liquido. Quando pronta, stendetela a raffreddare in un piatto.
  3. Tritate finemente le coste del sedano e in una ciotola conditele col succo del limone pelato, un cucchiaio d’olio e un pizzico di sale, coprite e lasciate marinare per un’ora.
  4. Riducete a dadini la buccia dei ravanelli e conservatela da parte; tritate grossolanamente la polpa bianca e mescolatela col sedano già marinato.
  5. Dividete a metà per il lungo i cetrioli e con un cucchiaino scavateli all’interno in modo da ricavare le barchette.
  6. Tostate le mandorle in un pentolino a calore basso per alcuni minuti. Una volta fredde, tritatele e unite anche queste al sedano. Mescolate con cura il misto e farcitevi l’interno dei cetrioli già disposti nei piatti (la porzione è di 3).
  7. Decorate le barchette alternando le scorzette di limone con i dadini di buccia dei ravanelli, condite con un filo d’olio e completate col pane tagliato a triangolini.

Note

Provate un abbinamento inconsueto scegliendo una Malvasia dei Colli di Parma frizzante, magari rifermentata in bottiglia. Chi non teme il contrasto può anche provare con la versione dolce servita molto fredda

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here