Tre giorni di dieta
A dieta dopo le feste

5 | 1 voto/i

Se vi sentite appesantiti dopo gli stravizi culinari delle feste provate a seguire per tre giorni i nostri menu. Ricchi di principi protettivi, aiutano l’organismo a depurarsi e alleggerirsi

Affrontare la primavera in piena forma? Meglio non aspettare la fine dell’inverno e approfittare di questo mese per un periodo riequilibrante, soprattutto se durante le feste avete un po’ esagerato. Una dieta di pochissimi giorni, quasi solo con ortaggi e frutta, può aiutarvi a innescare i processi di depurazione indispensabili per migliorare l’equilibrio. Quindi vi proponiamo suggerimenti, menu e ricette per tre giorni all’insegna della depurazione. Questi pochi giorni sono solo l’inizio: se avete problemi di peso potete proseguire la dieta per diverse settimane, aggiungendo ai menu cereali, pesce e legumi e variando, ovviamente, gli ingredienti. Non dimenticate che nella dieta di tutti i giorni frutta e verdura vanno integrate con altri cibi. Utilizzatene in abbondanza per tutto il mese: rinforzano le difese immunitarie, contrastano gli effetti dannosi dell’inquinamento, aiutano a combattere cellulite e ritenzione di liquidi, rimettono in sesto stomaco e intestino. Inoltre, hanno un’elevata azione alcalinizzante, favorendo così l’eliminazione delle tossine legate ad un eccessivo consumo di dolci e proteine animali. Una raccomandazione: se avete problemi di colite e l’intestino irritabile, valutate attentamente le vostre reazioni prima di aumentare le porzioni d’ortaggi, soprattutto crudi.

Contro lo stress

Iniziate il venerdì. Nel fine settimana è più facile scegliere il menu e il riposo aiuterà a disintossicarvi.
Se consumate un pasto in mensa o al bar scegliete un minestrone o una gran porzione di verdure, senza formaggio e una fetta di pane.
Ricordatevi di bere molti liquidi, acqua e tisane.

Pappa d’orzo al mattino

Depurativa, diuretica, antinfiammatoria, lassativa.
mettete in una casseruola 4 cucchiai colmi di fiocchi d’orzo. Coprite con acqua. Fate bollire per 4-5 minuti, mescolando. Grattugiate in una fondina mezza mela e mezza pera. Aggiungete l’orzo, il succo di mezzo limone, 1 cucchiaino di miele d’acacia, una presa di cannella e acqua calda quanto basta per ottenere una consistenza cremosa. Consumate la “pappa” tiepida.

Menu depurativo con 1.000 calorie

3 giorni.

Al mattino
Succo di 1 o 2 limoni
Pappa d’orzo
Infuso di verbena con 1 cucchiaino di miele di timo

I pranzi

Primo giorno
Insalata di radicchio, ravanelli e germogli di semi di zucca (verdura 150 g, semi 1 cucchiaio, limone, olio extravergine d’oliva)
Crema di zucca

Secondo giorno
Insalata di spinaci e zucca
Minestra di sedano e finocchi

Terzo giorno
Insalata di cavolo rosso
Passato di verdura (verdura 300 g, 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva, rosmarino e prezzemolo)

Al pomeriggio
1 mela e 2 mandarini
1 tazza d’infuso di verbena con 1 cucchiaino, rosmarino e prezzemolo)

Le cene

Tutti i giorni
Brodo vegetale fresco di verdure, 1 cucchiaino di tamari, il succo di mezzo limone

Primo giorno
Broccoli al sugo di noci
Mele al forno

Secondo giorno
Carciofi ripieni di verdura
Pere al forno

Terzo giorno
Carote, sedano, porri al vapore (verdura 300 g, olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio, limone, timo)
Pere con le mandorle

Ecco le ricette dei menu.

Crema di zucca
Difficoltà:
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 30 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Minestra di sedano e finocchi
Difficoltà: facile
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 35 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Insalata di cavolo rosso
Difficoltà: Facile
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 10 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Broccoli al sugo di noci
Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 15 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Insalata di zucca e spinaci
Difficoltà: facile
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 20 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Carciofi ripieni di verdure
Difficoltà: Media
Preparazione: 45 minuti
Cottura: 65 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Pere alle mandorle
Difficoltà: Media
Preparazione: 25 minuti
Cottura: 20 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here