La vellutata di baccelli di piselli è una ricetta no-spreco che ci permette di utilizzare bucce che solitamente scartiamo.
Queste bucce hanno invece notevoli proprietà nutrizionali, pochissime calorie, zero grassi. Fonti di vitamina A, C e K, i baccelli hanno caratteristiche antiossidanti e rafforzative del sistema immunitario. La vitamina K è importante per la salute delle ossa e per la coagulazione del sangue.

L'unico inconveniente di queste bucce vitaminiche è la loro fibrosità: non basterà infatti frullare la vellutata ma bisognerà passarla con un passaverdure o con un setaccio.
Le parti fibrose dei baccelli infatti non vengono rotte dalle lame del minipimer: anche se volete prima passare la crema con il frullatore ad immersione, sarà sempre necessaria passarla poi al setaccio.
Se non avete setaccio e passaverdure, la crema frullata va passata al colino.

Advertisement

Il risultato però sarà buonissimo: questa vellutata ha un intenso gusto di piselli, diverso però dalla vellutata fatta con i suoi semi: da provare!

I baccelli possono essere utilizzati anche per preparare un brodo: per le vostre minestre di verdure (come questa leggerissima zuppa di primavera) potete realizzare un brodo veloce facendo sobbollire le bucce. Otterrete un brodo ricchissimo di sali minerali.

Difficoltà: facile
10 minuti
30 minuti

Ingredienti

Per persone
Per le sferette aromatiche

Istruzioni

  1. Portate a bollore 1 litro d'acqua e salate. Sgranate i piselli e conservateli per la ricetta che trovate nell'introduzione o nelle note. Con un coltello eliminate le estremità dei baccelli, e le parti laterali, scartando tutta la "cornice". Pelate una patata e riducetela a cubetti; tritate grossolanamente una cipolla.
  2. In un'ampia casseruola rosolate con un abbondante filo d'olio le verdure per 5 minuti a fiamma dolce.
  3. Aggiungete l'acqua bollente salata: non tutta ma a coprire le verdure. Lasciate cuocere le verdure per circa 30 minuti aggiungendo acqua se serve. Potete cuocere di meno se il baccello cuoce prima: assaggiate per verificare (avrà ancora tutte le fibre e non sarà del tutto mangiabile).
  4. Vellutata di baccelli
    A questo punto avete due metodi per ottenere la vellutata di baccelli:
    Primo metodo, con il passaverdura fine.
    Secondo metodo, con minipimer e setaccio: frullate con il frullatore ad immersione e passate la vellutata al setaccio o al colino, anche due o tre volte, per eliminare i filamenti fibrosi che purtroppo non si riescono a frullare.
  5. Vellutata di baccelli
    Per creare le sferette profumate alle erbe, affettate finemente le erbe aromatiche che avete in frigo o in vaso (noi abbiamo utilizzato erba cipollina e finocchietto). Formate delle palline con la robiola e rotolatele sulle erbe tagliuzzate. Servite sulla vellutata.
Voti: 7
Valutazione: 4.71
Tu:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa

Vellutata no-spreco di baccelli di piselli - Ultima modifica: 2020-03-27T05:42:31+01:00 da Chiara Fumagalli
Vellutata no-spreco di baccelli di piselli - Ultima modifica: 2020-03-27T05:42:31+01:00 da Chiara Fumagalli