Cestini di crespelle con composta di mele - Ultima modifica: 2016-11-17T17:12:47+00:00 da Redazione
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Media
40 minuti di preparazione
40 minuti di cottura
320 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura
Per le crespelle

Istruzioni

  1. Preparate la pastella per le crespelle, mescolando in una terrina la farina, il burro fatto sciogliere e l’uovo; incorporate per ultimo il latte un poco alla volta, facendo attenzione che non si formino grumi. Lasciate riposare per 20 minuti.
  2. Sbucciate le mele, tagliatele a dadini e mescolatele all’uvetta, unite una presa di cannella, il vino e fate riposare per trenta minuti.
  3. Scaldate una padella dal fondo pesante del diametro di 12-14 cm, ungetela di burro e cuocetevi, una alla volta, 6 crespelle, in modo che restino leggermente dorate. Man mano che procedete mantenete sempre la padella unta evitando di fare bruciare il burro.
  4. Foderate con le crespelle 6 piccoli stampi da forno leggermente imburrati e infornate a 180 °C per 10 minuti circa, finché si formano dei cestini leggermente croccanti.
  5. Sciogliete, nel frattempo, il burro rimasto in un tegame e fatevi cuocere il composto di mele, uvetta e vino per circa 10 minuti. La frutta deve ammorbidirsi senza però disfarsi. Fate raddensare il fondo di cottura se rimane troppo liquido.
  6. Unite i pinoli, mescolate con cura e distribuite il composto nei cestini. Serviteli ancora caldi, con cannella in polvere servita a parte. Potete aggiungere un cucchiaio di yogurt denso o di panna acida.

Note

Il Moscato Giallo crea vini dolci affascinanti: tanto ricchi e variegati d’aromi quanto vellutati e persistenti al palato.
I migliori sono quelli dell’Alto Adige.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome