Ricette con la mozzarella
Una “bufala” a tavola

5 | 1 voto/i

Un ingrediente che in cucina può diventare un vero protagonista è la mozzarella di bufala. Un sapore inconfondibile e sorprendentemente, una consistenza adatta per qualsiasi trasformazione

La mozzarela di bufala, dall'alto valore proteico, ricca di calcio, con un buon contenuto di vitamine e sali minerali, è molto nutriente nonostante il suo basso contenuto calorico, e facilmente digeribile.

Un formaggio che rappresenta il meglio della produzione  casearia a pasta filata e in cucina è in grado di dare vita a piatti dal sapore inconfondibile, e regalare una struttura morbida e filante

Buono a sapersi
- La mozzarella di bufala campagna che secondo la Legge italiana è stata riconosciuta, dal 1993, come prodotto Dop, segue un preciso disciplinare di produzione: il latte lavorato deve essere il più fresco possibile, al massimo entro 60 ore dalla mungitura (di norma  caseifici migliori non oltrepassano le 24 ore). Oltre al latte, gli unici altri ingredienti ammessi sono caglio e sale.
- La vera mozzarella DOP può essere venduta solo confezionata singolarmente e con in evidenza i due marchi della denominazione di origine e del Consorzio.
- La mozzarella può essere conservata a 
 temperatura ambiente nel suo liquido.
- In presenza di temperature ambientali elevate va conservata in frigorifero e prima di consumarla  è sufficiente immergerla in una ciotola a bagno maria in acqua tiepida per circa 30 minuti per riportarla alla giusta conistenza.
- Quando è fresca la mozzarella nel momento del taglio deve rilasciare una certa quantità di latte e in bocca deve risultare sufficientemente "elastica".
- Quando la mozzarella perde in freschezza, dopo  massimo 4 giorni è meglio non consumarla cruda. 

 





Una “bufala” a tavola - Ultima modifica: 2019-09-09T13:00:00+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome