Riciclare le foglie di cavolfiore in un intrigante antipasto

5 | 1 voto/i

Perché eliminare le squisite foglie esterne del buon cavolfiore? Utilizziamole per preparare altri ottimi piatti come questo semplice antipasto con patate viola, mandorle, pepe rosa e un profumato olio al limone!

Mi sono sempre chiesto del perché in una sorta di automatismo inconsapevole si gettassero via quella bontà che sono le foglie di cavolfiore dando la preferenza alle sole cimette a fiore che sono sicuramente belle, buone e particolarmente adatte a realizzare molti piatti.

Questo ortaggio autunnale invernale sta per giungere nelle prossime settimane alla fine del suo ciclo stagionale, ma ancora affolla i banchi del mercato dove si trova a ottimi prezzi soprattutto considerando la sua ottima resa in cottura.

Perché al contrario di altri ortaggi come le verdure a foglia verde non ci sono modificazioni nella dimensione e volume delle cimette di cavolfiore, sia che siano lessate, sia che siano come consiglio di preferenza cotte a vapore.

Ma insieme alle cimette spesso troviamo abbondanti foglie e sicuramente quelle più esterne sono dure, fibrose e anche un po’ brutte da vedere.

Le altre però sono tenere, molto buone e molto interessanti per realizzare tante cose buone e belle, istintivamente la prima soluzione è metterle in una buona minestra che può diventare una squisita e raffinata vellutata al sapore di cavolfiore.

Perdiamo così in realtà la loro bontà di origine, quella consistenza e quel sapore che sono diversi dalle cimette ed è un peccato non degustare.

Da queste considerazioni di fondo è nato questo semplice antipasto o se volete contorno, casualità vuole che al momento della creazione fossero appena arrivate delle ottime patate viola e allora l’accoppiata è stata immediata!

Sono voluto poi rimanere nel solco della semplicità che come sapete è ormai il mio stile di base e a parte le croccanti mandorle e il buon sapore del pepe rosa il tocco originale è dato da un eccellente olio condimento al limone di un altro eccellente produttore di extravergine.

Se non ne avete uno niente di cui preoccuparsi, basta mescolare del buon olio con della buona buccia di limone biologica grattugiata.

Spero apprezzerete il tutto!!!

Foglie di cavolfiore e patate viola al limone

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g circa di foglie di cavolfiore,
  • 400 g di patate viola,
  • 40 g di mandorle sgusciate e pelate,
  • abbondante pepe rosa,
  • olio extravergine d’oliva aromatizzato al limone o in alternativa 1 limone biologico e buon olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Se non presente già un olio aromatizzato al limone lavare con cura e asciugare il frutto fresco, grattugiare la buccia e metterla in infusione in 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva.
  2. Lavare con cura le foglie di cavolfiore, disporle in un cestello e cuocerle a vapore per 10 minuti circa, nel frattempo mettere le mandorle in un piccolo padellino e tostarle a calore basso per 5 minuti circa, una volta fredde tagliarle in scagliette con un coltello.
  3. Sbucciare le patate viola, lavarle e tagliarle in sottili fettine, togliere le foglie di cavolfiore e adagiare nel cestello le fette di patate cuocendole a vapore per 5 minuti abbondanti lasciandole tenere ma non troppo morbide.
  4. Mettere le foglie di cavolfiore nei piatti e sovrapporre nel mezzo le fettine di patate viola, unire un pizzico di sale, condire con l’olio al limone (se fatto da se prima filtrato) e completare con una generosa macinata di pepe rosa.
Riciclare le foglie di cavolfiore in un intrigante antipasto - Ultima modifica: 2019-03-13T12:31:45+00:00 da Giuseppe Capano

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome