5 | 1 voto/i

Un opportunità per incontrarsi sabato 8 febbraio in occasione della presentazione in anteprima del mio ultimo libro in uscita tra alcune settimane, per parlare di sapidità alternativa e scoprire con grande piacevolezza come l’olio extravergine d’oliva di qualità oltre agli altri innumerevoli pregi può aiutarci a diminuire la dose di sale consumata giornalmente!

Fra pochi giorni, per la precisione la mattina di sabato 8 febbraio, sarò a Milano per partecipare a un incontro molto particolare all’interno della nuova edizione di Olio Officina Festival giunto quest’anno alla sua nona edizione.

Si parlerà di sapidità da un punto di vista tutto particolare che ho pienamente sposato nella scrittura del mio ultimo libro che uscirà tra poche settimane.

Il tema sapidità e olio di qualità, ma di fatto anche una sorta di anteprima per presentare al pubblico questa mia ennesima opera scritta con grande passione e amore.

Il libro è incentrato sulla diminuzione importante del consumo di sale ed è frutto di un lungo percorso di prove, assaggi, esperimenti, ricerca e confronti professionali.

È noto da tempo ormai di come il sale sia uno degli elementi più abusati nella dieta quotidiana con conseguenza molto incisive sulla salute a 360 gradi.

L’aspetto più incredibile però è che per moltissime preparazioni di cucina il sale non è affatto necessario, anzi ruba la scena a sapori e profumi dei cibi utilizzati alterandone le caratteristiche sensoriali e a volte annullandole del tutto.

La sua assenza o quantomeno drastica diminuzione può farci ritrovare con estrema naturalezza aromi di incredibile bontà in cui percepiamo completamente il valore del cibo consumato non più mascherato dalla sapidità aggiunta.

Sarà uno scoprire graduale vere e proprie emozioni di gusto in cui rimanere increduli visto il viscerale attaccamento che abbiamo all’aggiunta di sale nelle ricette, spesso un gesto incosciente dettato da abitudini acquisite fin da piccoli senza un reale motivo.

I piatti provati tutti in prima persona sono state vere rivelazioni in cui alleati preziosi, primo fra tutti lo straordinario olio extravergine d’oliva di qualità nelle sue pregiate cultivar e a seguire erbe aromatiche, spezie, semi oleosi, frutta secca e superfood hanno reso tutto più facile, sano e buono.

Senza sale appunto!!!

Durante l’incontro di sabato 8 dal significativo titolo “Una cucina senza sale, l’olio extra vergine di oliva come alternativa” avrò modo di illustrare con chiarezza tutto questo.

Con una piacevole sorpresa in più però che il libro da solo non potrebbe dare: la possibilità di partecipare a una sessione di assaggi di olio dimostrativi, allo scopo di far comprendere come si possa sostituire il sale ricorrendo all’olio extra vergine di oliva.

La sapidità dell’olio in questo senso sarà una rivelazione piacevole che però non deve sorprendere, oli di qualità come quelli che si andranno a degustare, infatti, hanno in se elementi sensoriali così forti e positivi da rendere spesso il sale ben poco necessario per valorizzare i nostri cibi.

Conoscere e apprezzare l’olio buono può essere quindi anche un modo per superare meglio la cattiva abitudine di salare in maniera smisurata le preparazioni di cucina e ritrovare così sapori, aromi e profumi autenticamente naturali.

Vi aspetto allora sabato 8 febbraio per presentare il mio libro, parlare di sapidità alternativa e far assaggiare con l’aiuto dell’illustre e molto preparato oleologo Francesco Caricato veri capolavori d’olio.

Olio Officina Festival si svolge in pieno centro a Milano, per tutte le informazioni logistiche e organizzatevi del festival potete consultare questo link.

5 | 1 voto/i

La sapidità innata dell’olio di qualità per diminuire il sale consumato a tavola - Ultima modifica: 2020-02-03T23:23:13+01:00 da Giuseppe Capano
La sapidità innata dell’olio di qualità per diminuire il sale consumato a tavola - Ultima modifica: 2020-02-03T23:23:13+01:00 da Giuseppe Capano

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome