Donne in menopausa: anche dimagrire poco serve!


Secondo un recente studio pubblicato su Cancer Research, le donne in menopausa, obese o in sovrappeso, già a partire da una perdita di peso modesta riescono a ridurre i livelli di infiammazione dell’organismo collegati al rischio di andare incontro a tumori. La ricerca ha preso in considerazione l’influenza della dieta, dell’attività fisica e del dimagramento sugli indicatori dell’infiammazione, i cosiddetti biomarker. Va ricordato che uno stato cronico d’infiammazione, tipico dell’obesità, è correlato con un aumento del rischio non solo tumorale ma anche di malattie cardiovascolari e di altre patologie croniche.

Come prima cosa i ricercatori hanno testato su 450 signore gli indicatori più comuni dell’infiammazione, come la proteina C reattiva o l’interleuchina 6. Di seguito le donne sono state divise a caso in tre gruppi: in uno seguivano una dieta ipocalorica con una quantità controllati di grassi (cosiddetta dieta ipolipidica); in uno dovevano seguire un’attività sportiva, con 45 minuti di esercizio per 5 giorni a settimana; nel terzo gruppo le donne dovevano praticare sia la dieta, sia l’attività sportiva.

Dopo un anno, le donne a dieta – sia con che senza attività fisica – che avevano perduto il 5% del peso avevano ridotto in modo più rilevante gli indicatori dell’infiammazione testati. Ad esempio, la proteina C reattiva nel gruppo “solo dieta” è calata del 36%, mentre il gruppo “dieta+sport” soltanto poco di più: il 42%. Infine, nessuna influenza è stata rilevata nel gruppo sportivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome