Dagli Usa prendiamoci il meglio!


In questi giorni è quasi impossibile non pensare alle vicende presidenziali Usa e confesso una certa nostalgia di quando, pochi anni fa, parlavo in questo mio post dell'orto biologico della first lady o del suo impegno per combattere l'obesità infantile con l'importante campagna governativa  Let's move! Ho però deciso di reagire pensando alle tante cose buone che ci arrivano dagli Usa come, ad esempio, il lavoro dell'AICR, un'organizzazione di riferimento per tutto il mondo e fondamentale anche per la sua opera di divulgazione a tutti i livelli. Partendo dalla ricerche scientifiche fino alle salutari ricette di cucina. Come questi Muffin che vedete nella foto, un popolare dolcetto anglosassone che si arricchisce delle sostanze nutritive dei semi di lino. Ossia i grassi omega 3, che hanno dimostrato di avere effetti salutari per il cuore ma non solo; i lignani, una classe di estrogeni vegetali (fitoestrogeni) con azione antiossidante e protettiva nei confronti dei tumori e delle malattie cardiovascolari; le fibre, sia solubili che insolubili, con benefici per il controllo della glicemia e dei grassi nel sangue, e altri effetti metabolici.
Qualche consiglio per adattare la semplicissima ricetta dei Muffin ai semi di lino: adottare un olio biologico di semi di girasole, di riso o di mais al posto di quello di canola suggerito, e un latte vegetale o un latte vaccino scremato al posto di quello consigliato. Infine, la temperatura del forno: i 375 gradi Fahrenheit equivalgono ai nostri 190 gradi Celsius. E buon appetito 😉

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome