Arriva il freddo: curiamoci a tavola


Piccole ricette terapeutiche per raffreddore, influenza, stati febbrili e catarrali 

Aglio, cipolla, timo, chiodi di garofano, peperoncino… sono tantissimi gli aromi e le spezie che contengono utilissime sostanze antibatteriche e antivirali. Per garantirsi l’effetto terapeutico alcuni di questi andrebbero però consumati crudi o aggiunti a fine cottura per non far evaporare gli oli contenuti. Se con erbe e spezie è possibile, certamente per aglio e cipolla non sempre è facile. Per non fare evaporare gli oli essenziali che contengono i preziosi principi attivi, abbiamo un’alternativa.

Si tratta di soffriggere delicatamente queste odori: gli oli essenziali, che sono lipofili, si scioglieranno nel condimento e così evaporeranno molto meno. Il consiglio è di preparare a parte (più è breve e a fuoco basso la cottura e meglio è) dei piccoli soffritti e di aggiungerli alle pietanze prima di servire. Qui sotto trovate alcune brevi ricette curative, da prepararsi ai primi segni di raffreddamento. Da abbinare a molta acqua, anche sotto forma di tisane, infusi, decotti, che tra le tante ha l’ulteriore virtù di idratare le mucose dell’apparato respiratorio rendendole più resistenti all’attacco di batteri e virus.

Minestrina all’aglio

Schiacciate uno spicchio d’aglio e fatelo dorare in un pentolino con un po’ d’olio extravergine di oliva. Aumentate la fiamma e aggiungete una tazza d’acqua, mescolando con energia per creare un’emulsione. Versate una manciata di pastina (che assorbirà i principi dell’aglio) appena l’acqua è a bollore e portate a cottura.

Patate agliate

Lessate 2 patate intere e con la buccia; pelatele, riducetele in cubetti e conditele subito con olio e sale. Tritate con cura 4 (fino a 6) spicchi d’aglio e aggiungeteli alle patate.

Bruschetta classica

Tostate una fetta di pane, strofinatela con uno spicchio d’aglio crudo quindi conditela con olio extravergine di oliva e un pizzico di sale.

Brodo di pollo e aromi

Preparate un brodo mettendo a lessare un quarto di pollo (o solo il petto) con cipolla (infilzata con un chiodo di garofano), sedano, carota e poco sale. Una volta pronto, preparate con questo una pastina, aggiungendo prima di portare in tavola un cucchiaio di vino rosso, una presa di peperoncino e un po’ di parmigiano grattugiato.

Zucchero di cipolla

Tagliate a metà una cipolla (preferibilmente rossa, dal gusto più dolce), svuotatela, riempitela di zucchero, copritela e lasciatela riposare per un paio di ore. Quindi assumete un cucchiaino del liquido dolce formato che svolge un’azione febbrifuga. Aggiungete altro zucchero nella cipolla e ripetete la procedura.

Vin brulé senza alcol

In un pentolino versate una tazza di vino rosso di ottima qualità, un cucchiaio di zucchero, un quarto di scorza di limone non trattato, 2-3 chiodi di garofano e un pezzo di corteccia di cannella. Portate dolcemente a ebollizione e flambate, dando fuoco al vino per eliminare del tutto la parte alcolica (fate attenzione!). Filtrate e bevete.

Decotto di fichi secchi

Versate in un pentolino una tazza d’acqua con 5 fichi secchi a tocchetti, portate a bollore e proseguite per 8 minuti circa. Lasciate intiepidire prima di bere questa preparazione, dall’azione mucolitica e sedativa della tosse.

 

 

 

 

1 COMMENTO

  1. Caspita, mangerò cipolla e aglio nei prossimi giorni! Come dolce fichi e zucchero di cipolla!!
    Mi è venuto mal di gola, il secondo in 3 mesi! Devo correre ai ripari!
    Grazie per le dritte 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome