Cibo e cellulite
Agrumi e carciofi (ma non solo) contro la ritenzione idrica: ecco i 5 consigli dietetici per sgonfiarsi

4.8 | 4 voto/i

Vi sentite gonfi e i vestiti vi tirano un po’? Per fortuna non sempre il gonfiore corrisponde a un vero ingrassamento ma può essere dovuto alla ritenzione idrica. Scopriamo gli errori da evitare e quali pratiche seguire a tavola per smaltire i liquidi di troppo

Succede spesso. In questo periodo dell’anno si scopre che l’ago della bilancia si è spostato di uno-due chili al massimo. Un aumento che può dipendere non solo dal grasso ma anche dalla cosiddetta ritenzione idrica, un fenomeno comune tra le donne e che va a braccetto con la cellulite. In effetti sono due condizioni che spesso si sommano e che hanno in comune una circolazione sanguigna non ottimale. Si tratta di un eccesso di liquidi che ristagna nei tessuti, dipendente, oltre che dall’alimentazione, anche da altri fattori come sedentarietà, assunzione di farmaci, di ormoni o dall’andamento mestruale (è un tipico sintomo della sindrome premestruale, in effetti).

Ma se volete gonfiarvi mangiate così

Certamente l’abitudine di salare troppo i cibi e prediligere quelli molto sapidi - salumi, formaggi stagionati, cibi conservati in salamoia, affumicati, snack tipo patatine e simili, salse come il ketchup - può aggravare una condizione di ritenzione idrica e di cellulite. È vero che mangiando salato poi si beve di più, ma si determina anche una maggiore ritenzione di liquidi che peggiora un problema di circolazione, creando una situazione localizzata di ristagno. Insomma: se il pranzo è stato a base di patatine fritte con maionese, non serve molto andare in giro con la bottiglietta d’acqua! Anche un’alimentazione ricca di cibi grassi, specie quelli saturi di origine animale, che affaticano il fegato e quindi il metabolismo, contribuisce a peggiorare la situazione.

I cinque consigli per ridurre pancia e gonfiori

  1. Mangia mediterraneo. Per contrastare l’accumulo di liquidi i cibi che più aiutano sono quelli tipici della dieta mediterranea, in particolare frutta e verdura, grazie al loro contenuto di vitamine, sali minerale e sostanze antiossidanti, molto efficaci e di immediato utilizzo da parte dell’organismo. In particolare i sali minerali contenuti nei vegetali, come il potassio, hanno un effetto drenante, ossia favoriscono la rimozione del liquido trattenuto nei tessuti. Annullando così l’azione del sodio e del cloro, che aumentano invece la ritenzione. Inoltre, grazie al loro contenuto acquoso favoriscono la diuresi in modo naturale, e senza le controindicazioni dei prodotti di sintesi.
  2. I frutti che ti sgonfiano. Una categoria di frutti ricchi di bioflavonoidi sono gli agrumi, che contengono i principi vasoattivi, come la rutina, nelle bucce e nelle parti bianche della scorza e all’interno della polpa. Insomma, degli agrumi “non si butta niente”, a condizione però che non vengano trattati in superficie con sostanze chimiche quali i conservanti. Per aiutare la circolazione è bene consumarli interi, lasciando il più possibile aderenti agli spicchi la parte interna della buccia. La scorza grattugiata può essere aggiunta, ad esempio, in macedonie, sorbetti, insalate e così via. Le spremute fresche vanno bene per il contenuto di vitamina C che, oltre a essere un potente antiossidante, svolge un’azione rinforzante sui vasi sanguigni, capillari compresi, e quindi migliora la circolazione. Oltre agli agrumi, anche il kiwi ne è ricco.                 Contenuti nella buccia di frutta e ortaggi rosso-viola troviamo gli antociani, pigmenti coloranti appartenenti alla famiglia dei flavonoidi. Si trovano più abbondantemente nei mirtilli, negli altri frutti di bosco e, tra i frutti invernali, nelle bucce di mele e pere, e nelle arance rosse. Gli antociani sono consigliati per rendere più resistenti e meno permeabili le pareti dei piccoli vasi, compresi quelli linfatici, riducendo il rischio di passaggio di liquidi nei tessuti, aiutando così la circolazione e prevenendo l’eventuale formazione di edemi e gonfiori. Consumare, quindi, frutta rossa o viola, sempre è un’ottima abitudine per prevenire i disturbi circolatori e dare un aiuto a vene e capillari.
  3. Ortaggi drenanti. Tra gli ortaggi invernali, quelli con la più marcata azione depurativa sono il carciofo e la famiglia delle cicorie. Da consumare sia crudi che cotti (non sprecate i brodi di cottura dagli effetti diuretici). Inoltre va segnalata l’azione diuretica e disintossicante della cipolla e del porro (ricchissimi di potassio e calcio).
  4. Fermenti preziosi. Infine, un’altra cosa importante è mantenere regolato l’intestino, poiché una buona funzionalità intestinale favorisce anche una migliore circolazione. Quindi sì a tutti i cereali integrali, che migliorano la motilità intestinale, danno un buon senso di sazietà e non affaticano l’apparato digerente, e gli alimenti ricchi di fermenti lattici come lo yogurt. Insomma, se si mangia leggero, scegliendo cibi poco grassi e si consuma verdura e frutta anche l’estetica ci guadagna.
  5. Bere è fondamentale. I gonfiori dovuti a ristagni di liquidi – che tra l’altro peggiorano la cellulite - si eliminano più facilmente se, oltre a mangiare poco salato, si bevono almeno un litro e mezzo o due di acqua al giorno. In particolare acqua con un basso contenuto di sodio e perciò con un maggiore effetto diuretico. Ma anche infusi non zuccherati, spremute di agrumi, succhi freschi (cioè fatti in casa) di frutta e centrifugati di verdure. Insomma, bere il principale atto terapeutico per aiutare e consentire i processi di depurazione dell’organismo.
4.8 | 4 voto/i

Agrumi e carciofi (ma non solo) contro la ritenzione idrica: ecco i 5 consigli dietetici per sgonfiarsi - Ultima modifica: 2020-02-14T12:18:08+00:00 da Barbara Asprea
Agrumi e carciofi (ma non solo) contro la ritenzione idrica: ecco i 5 consigli dietetici per sgonfiarsi - Ultima modifica: 2020-02-14T12:18:08+00:00 da Barbara Asprea

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome