Nuovi stili
Piatti pronti o piatti veloci?

5 | 2 voto/i

Se avete poco tempo da dedicare alla cucina, il mercato offre una grande varietà di preparazioni pronte per il consumo. L’alternativa? Imparare qualche trucco per cucinare in tempi record ricette perfette per tutta la famiglia

Se un tempo il piatto pronto era guardato con sospetto, soprattutto dai consumatori più salutisti, oggi l’offerta è talmente ampia che si possono trovare alternative per tutti i gusti a ottimo prezzo e buona qualità. Non solo scatolette e surgelati, risotti o minestre in busta: nei banchi frigo dei supermercati spuntano zuppe fresche, spaghetti e penne ai tanti sapori, cereali cotti a vapore, superfood esotici e locali. I grani antichi si affiancano al comune frumento, la quinoa e l’avena si alternano al riso (anche rosso o nero) in una continua caccia agli ingredienti speciali, pure tipici o Dop, e ai piatti ricettati.

Come mostrano i prodotti di ultima generazione, oggi il consumatore non chiede solo praticità, ma anche benessere: ingredienti buoni, non eccessivamente trattati e meglio se privi di additivi. Ma la risposta non è sempre perfetta, perciò bisogna saper scegliere. I prodotti non sono tutti uguali e la qualità varia, anche se la scelta biologica è già una valida discriminante, perché utilizza solo ingredienti bio senza l’aggiunta di additivi di origine sintetica. Due ingredienti da tenere sotto controllo sono sale e zuccheri: saccarosio, fruttosio, destrosio, sciroppi e altro si insinuano non di rado dove non dovrebbero. Un’attenta lettura dell’etichetta è quindi fondamentale per scegliere bene.

I primi più gettonati

Sono la categoria più ampia e articolata, a partire da zuppe fresche e cereali variamente conditi (avena, farro, quinoa, cuscus, bulgur), anche in insalata. Ci sono poi minestre in lattina o disidratate e risotti in busta. Attenzione che soprattutto nei piatti a lunga conservazione e nei cereali freschi ci possono essere addensanti, zuccheri e oli di scarsa qualità.

Secondi, spopolano i burger

Molto diffusi sono i burger di soia o altri legumi e verdure, a volte anche semi oleosi, o di pesce, sulla cui qualità è sempre bene interrogarsi. Cosa controllare in etichetta? Che non si siano troppi addensanti (amidi ma anche gomme), stabilizzanti, zuccheri e condimenti.

Salse e condimenti a volte troppo ingredienti

Tra sughi freschi e non, paté vegetali e pesti, c’è da sbizzarrirsi. Per esempio, questi ultimi passano dalla classica versione genovese alle varianti con noci o altri semi, talvolta arricchiti con panna. In etichetta, attenzione soprattutto ai grassi, che nei condimenti possono abbondare, e agli zuccheri, spesso presenti nei sughi di pomodoro. A volte, possono essere usati ingredienti che fanno da riempitivo, per rendere la salsa più corposa, come alcuni derivati del latte. Nei preparati per bruschetta, ad esempio, si possono trovare solfiti e correttori di acidità. Tra i prodotti bio, invece, ci sono tantissime salse di ortaggi con pochissimi ingredienti, solo verdure, olio extravergine e sale.

Alternative fai da te, facili e veloci

Basta poco per preparare piatti ottimi, con ingredienti freschi e senza additivi. Che daranno più gusto e salute ai vostri pasti, con la sicurezza di aver usato solo materie prime di qualità.

Primi piatti

Pisarei e fasò veg

Soffriggete aglio, cipolla e rosmarino, unite 300 g di passata di pomodoro e 200 g di borlotti lessati. Cuocete per 10 minuti e aggiungete a una pasta corta cotta.

Gnocchetti alle noci

Tritate nel mixer 150 g di noci sgusciate, uno spicchio d’aglio, una manciatina di mollica bagnata in acqua, poco olio extravergine, sale. Quando il sugo è omogeneo, scaldatelo leggermente e condite gli gnocchetti cotti.

Secondi piatti

Polpette di cannellini e mandorle

Mescolate 300 g di cannellini lessi, 80 g di mandorle macinate, aromi a piacere e il pangrattato necessario per ottenere un composto non troppo sodo. Ungete di olio una teglia e distribuitevi il composto con un porzionatore per gelato. Infornate a 180 °C per 20 minuti, girando le polpette una volta.

Creme e salse

Paté di pomodori e ceci

Frullate 200 g di ceci lessati, 50 g di pomodori secchi sott’olio, origano e peperoncino.

 

 

 

 

 

 

Piatti pronti o piatti veloci? - Ultima modifica: 2019-07-16T09:30:27+00:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome