Yogurt vero in cucina e nella dieta

5 | 1 voto/i

Se dobbiamo pensare a reperire dello yogurt abituiamoci a considerare solo quello intero privo di elementi estranei in più, una base più sana che può servire molto anche in cucina per realizzare tante ottime preparazioni salutari!

Lo yogurt è un prodotto millenario derivato dal latte al pari di molti altri sottoprodotti, lo ritroviamo ovunque nelle sue varie e diverse formulazioni a testimonianza di usi, condizioni sociali e ambientali specchio di aree geografiche specifiche.

Un tempo tuttavia era conosciuto e diffuso a macchia di leopardo in aree circoscritte e solo con l’avvento dell’era moderna e la crescita di commerci e mercati è diventato un elemento comune ovunque nel mondo dando origine a altre formulazioni.

Così oggi noi possiamo trovare in un comune scaffale di un supermercato una miriade di alternative in cui lo yogurt vero spesso è solo una comparsa.

Sia perché magari è in dosi minimali, sia perché e talmente infarcito da elementi poco sani e funzionali da vedere minate le sue prerogative di base.

La preferenza va quindi sempre allo yogurt nudo e crudo ovvero alle versioni naturali bianchi a prescindere che siano magri o interi.

Sono gli stessi che in cucina rendono di più in assoluto, potremmo fare l’esempio della pasticceria dove composti come alcune torte di base, alla frutta o in formulazione plumcake sono nettamente migliori quando preparati a base di buon yogurt bianco intero.

Ma spesso anche in molte ricette salate lo yogurt porta notevoli contributi di gusto e esaltazione, pensiamo come traccia alle molte salse per insalate, verdure a vapore o alla griglia a base di yogurt.

Sono realizzabili con estrema facilità, già unendo un poco di olio extravergine d’oliva di qualità, delle erbe aromatiche fresche tritate e qualche spezia otteniamo ottimi condimenti.

Che possono diventare ancora più speciali unendo olive nere snocciolate e tritate, capperi sottosale, pomodori secchi, semi oleosi e tante altre buone cose.

Di esempi ne abbiamo molti però sottolineiamolo che tutto si poggia sulla qualità di un vero yogurt composto solo da latte (al limite anche vegetale) e basta.

Lo stesso che dovremmo consumare anche quando abbiamo voglia a colazione, merenda o per uno spuntino di un alimento rinfrescante e appagante.

Questo quello che dovremmo fare in teoria per il nostro benessere, il mercato e le aziende alimentari tuttavia intuendo il potenziale dello yogurt hanno nel tempo creato formulazioni in cui abbondano ad esempio percentuali di zuccheri molto elevati.

Impressionante a questo proposito un recente studio inglese pubblicato sulla rivista British Medical Journal Open che ha evidenziato come molte formulazioni a base di yogurt (dessert, da bere, alla frutta, aromatizzati, funzionali, vegetali, ecc) sono paragonabili come impatto glicemico alle comune bibite zuccherate.

Il paradosso è che invece si acquistano nella convinzione di consumare prodotti di benessere abbagliati dalla base yogurt vantata in etichetta.

Insomma siamo assediati dallo zucchero in eccesso dappertutto, per questo cercate di reperire solo vero yogurt al naturale che ripeto è una eccellente base anche in cucina e che poi se proprio ci tenete potete addolcire voi in maniera infinitamente meno impattante.

E magari vedremo come in un mio prossimo intervento in cui suggerire cosa aggiungere a una buona base yogurt mantenendo livelli di zuccheri accettabile o per lo meno meglio tollerabili dall’organismo!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome