Più ingrassiamo e più la pressione sale: nuovo studio ci dice di quanto

3.5 | 4 voto/i

Un  milione e settecentomila persone. Questo l’impressionante numero di donne e uomini cinesi - dai 35 agli 80 anni di età e provenienti da 141 centri di assistenza sanitaria di base - arruolati nello studio PEACE (Patient-Centered Evaluative Assessment of Cardiac Events) che, insieme ad altri obiettivi, ha anche quello di valutare il rapporto tra pressione sanguigna e peso corporeo. L’insieme dei dati è stato analizzato dai ricercatori dell’università di Yale e i risultati sono stati pubblicati sul numero del 17 agosto di JAMA Network Open.

Cosa dice la ricerca

Ancora una volta è stata trovata una relazione diretta tra aumento dei chili e quello delle pressione. Nelle persone che non stavano assumendo un farmaco antipertensivo, i ricercatori hanno rilevato un aumento di 0,8-1,7 mm Hg (ossia i millimetri di mercurio che indicano la pressione) per ogni unità aggiuntiva del Body mass index (MBI, ossia l’Indice di massa corporea). Nel complesso, la popolazione aveva un BMI medio di 24,7 (da 25 in poi si entra nella fascia del sovrappeso) e una pressione arteriosa sistolica media di 136,5, classificata come ipertensione di stadio I secondo le linee guida dell'American Heart Association.
"L'enorme dimensione del set di dati, il risultato di uno sforzo senza precedenti in Cina, ci permette di caratterizzare questa relazione tra BMI e pressione sanguigna attraverso decine di migliaia di sottogruppi, che semplicemente non sarebbe possibile in uno studio più piccolo", ha spiegato George Linderman, uno degli autori principali dell’articolo.

Anche in Oriente aumentano obesità e ipertensione

Non solo in Occidente ma anche in Cina il fenomeno dell’obesità è in costante ascesa: rispetto al 2010 nel 2025 dovrebbe triplicare negli uomini (dal 4 al 12,3%) e raddoppiare nelle donne (dal 5,2 al 10,8%). Tra l’altro, già oggi un terzo degli adulti cinesi soffre di ipertensione ma solo una persona su 20 riesce a tenere questa condizione sotto controllo, secondo un precedente articolo di Yale.

Concludendo con qualche consiglio pratico

Insomma, dai dati presentati emerge ancora una volta quanto sia importante per la prevenzione delle malattie cardiovascolari mantenere un peso corretto. E, quindi, seguire un’alimentazione corretta che sia amica della pressione. Proprio come quella descritta in questo nostro interessante articolo dedicato all'argomento in questione. Oppure per restare in tema, portare in tavola il delizioso e salutare riso cantonese della foto che trovate in questo servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome