News: il cuore rimane più sano con una ricca colazione (e un po’ meno tv)

Un nuovo studio condotto in Grecia, appena presentato al congresso dell'American College of Cardiology, ha dimostrato che chi è abituato a fare una colazione adeguata e non passa tante ore seduto davanti la tv ha una minore probabilità di sviluppare malattie cardiache o ictus.

4 | 3 voto/i

Anche le piccole abitudini quotidiane hanno un peso per  proteggere la salute di cuore e arterie. E un interessante studio greco diviso in due parti, appena presentato al congresso annuale dell'American College of Cardiology, ha proprio investigato su questi aspetti: “L’ambiente e lo stile di vita sono fattori di rischio importanti ma sottovalutati per le malattie cardiovascolari", ha affermato il cardiologo Sotirios Tsalamandris,  autore principale dello studio. "Queste nostre ricerche sottolineano i molti agenti che influenzano le malattie cardiache e la necessità di una prevenzione più olistica".

Uno studio, anzi due

I ricercatori hanno valutato su duemila persone in Grecia i diversi marcatori che indicano la salute del cuore in rapporto a diverse esposizioni ambientali e stili di vita. I partecipanti hanno rappresentato un campione della popolazione - dai 40 anni in poi - comprendente perciò persone sane ma anche con fattori di rischio cardiovascolari  o con malattie cardiache già diagnosticate.

Sono stati utilizzati questionari dettagliati per valutare i livelli di attività fisica dei partecipanti e le abitudini alimentari, mentre sono stati utilizzati test non invasivi per valutare le condizioni delle arterie dei partecipanti. Quindi i risultati sono stati raggruppati in due lavori: il primo dedicato all’importanza della prima colazione pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, e il secondo che ha analizzato l’effetto dello stare seduti davanti alla tv su Atherosclerosis (vedi dopo).

I vantaggi di una ricca colazione  

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base all’apporto calorico derivante dalla colazione: alta energia (colazione contenente almeno il 20% delle calorie giornaliere, ad esempio, per una donna con un fabbisogno da 1800 calorie, una colazione da 360 cal); bassa energia (5-20% di calorie giornaliere); colazione saltata o quasi (meno del 5% delle calorie giornaliere). In totale, circa 240 persone hanno riferito una colazione ad alta energia, quasi 900 hanno mangiato una colazione a basso consumo energetico e circa 680 zero colazione.
Gli alimenti per la prima colazione più comunemente consumati dal gruppo “del 20%” comprendevano latte e derivati, cereali, pane e miele. La colazione del gruppo a basso consumo energetico includeva tipicamente caffè o latte magro insieme a pane con burro, miele, olive o frutta.

Ebbene, i ricercatori hanno scoperto che chi consumava la colazione più energetica tendeva ad avere arterie significativamente più sane di chi mangiava poco o niente al mattino.  Nello specifico, la rigidità arteriosa era anormale nel 15% di chi saltava la colazione, nel 9,5% di chi preferiva una colazione poco calorica e dell'8,7% di chi consumava una colazione ad alta energia. Analogamente, nelle arterie carotidi è stata trovata più placca (e quindi più aterosclerosi)  nel 28% delle persone senza colazione, nel 26% nel gruppo medio e  solo nel 18% di chi ama le colazioni più ricche.

"Una colazione energetica dovrebbe essere parte di uno stile di vita sano", ha commentato Tsalamandris. "Una prima colazione che costituisca più del 20% dell'apporto calorico giornaliero totale può essere di importanza pari, o addirittura maggiore, rispetto a uno specifico schema dietetico di una persona, ad esempio, all’interno di una dieta mediterranea, una dieta a basso contenuto di grassi o altri schemi dietetici".

Tuttavia, va detto che lo studio in questione è di tipo osservazionale, ossia non spiega il legame  tra causa ed effetto, ma sulla base di studi precedenti  i ricercatori hanno offerto due possibili spiegazioni. La prima è che le persone che fanno colazione in generale tendono a mangiare cibi più sani e hanno una percentuale minore di stili di vita poco salutari, come il fumo e sedentarietà, rispetto a chi salta la colazione. La seconda è che gli alimenti specifici per la colazione consumati nel gruppo ad alta energia, come i latticini, possono portare benefici alla salute del cuore. Infine, i ricercatori hanno in programma di continuare a monitorare la salute nei partecipanti dello studio per almeno 10 anni, concentrandosi particolarmente sugli effetti da parte delle esposizioni ambientali.

E riguardo alla tv? Meglio non guardarla sempre da seduti

Anche in questo caso i partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base al numero di ore trascorse a guardare la televisione (ma anche video su altri supporti ecc) ogni settimana: un numero basso (sette ore o meno), una quantità moderata (da 7 a 21 ore) o alta (più di 21 ore).
I ricercatori hanno scoperto che il gruppo con il numero maggiore di ore aveva quasi il doppio delle probabilità di avere le placche nelle arterie rispetto a quelli del primo gruppo. Gli studiosi hanno anche scoperto che guardare più tele era associato a un aumento di altri fattori di rischio cardiovascolare, come  l'ipertensione e il diabete.  "Poiché i nostri risultati enfatizzano il beneficio clinico delle attività a basso consumo energetico, svolgere attività ricreative, sollevamento pesi, stretching, cyclette o tapis roulant mentre si guarda la tv può essere un'alternativa sana", ha concluso Tsalamandris.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome