In Italia la celiachia è cambiata: ecco come


Fa effetto quando le cose si modificano sotto i tuoi occhi. Da tanti anni, mi occupo di celiachia e ricordo benissimo quando i medici intervistati ne parlavano come di un problema poco comune e per lo più pediatrico. In uno studio pubblicato sulla rivista BMC Gastroenterology, firmato dal professore Umberto Volta e da una equipe di ricercatori dell’Ospedale Sant’Orsola-Malpighi di Bologna, è stato accertato che il profilo clinico della celiachia è radicalmente cambiato negli ultimi 15 anni. In altre parole, gli studiosi hanno scoperto che l’intolleranza al glutine si presenta in una fascia di età molto ampia e che la forma cosiddetta non classica della celiachia, un tempo considerata atipica, sembra diventare più frequente della forma classica, ossia la forma più comunemente riscontrata nei bambini.

Entrando un po’ più nel dettaglio dello studio in questione, dal gennaio 1998 al dicembre 2012 al Sant’Orsola sono stati diagnosticati celiaci ben 770 soggetti (tra i quali ben 599 donne dai 18 ai 78 anni). La celiachia era sintomatica in 610 persone (79%) e fra queste la forma di celiachia non classica è risultata quasi il doppio rispetto alla forma classica (il 66% contro il 34%). I rimanenti 160 celiaci avevano una forma di celiachia non sintomatica denominata subclinica. Nel gruppo dei celiaci sintomatici (ossia che comprende la forma classica e non classica) la diarrea è stata trovata nel 27% dei casi, mentre altre manifestazioni frequenti sono stati gonfiore addominale (20%), stomatite aftosa (18%), alvo alterno (15%), costipazione (13%) e malattia da reflusso gastroesofageo (12%). Tra le manifestazioni extraintestinali al primo posto ci sono osteopenia e osteoporosi (52%), alle quali seguono anemia (34%), ipertransaminasemia criptogenetica (29%) e aborti ricorrenti (12%). Una buona parte dei pazienti, infine, presentavano anche altre malattie autoimmuni oltre alla celiachia, cioè tiroidite autoimmune (26,3%), dermatite erpetiforme (4%) e diabete di tipo 1 (3%).

Come non concludere con una ricetta estiva come bella insalata di riso basmati rigorosamente senza glutine?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome