Erbe da bere
Tè bianco: la bevanda dell’estate

tea and a book in the spring sunshine. near honey and flowers
4.9 | 228 voto/i

Un concentrato di vitamine, minerali e antiossidanti per recuperare i sali persi con la sudorazione e neutralizzare i danni del caldo e del sole eccessivo. Un tonico dissetante e corroborante

D’estate, complice anche l’aumento delle temperature, è molto più facile che si senta la necessità di reintegrare i sali minerali persi attraverso la sudorazione. Spesso si ricorre a integratori già pronti, ma il mondo delle piante medicinali offre una varietà molto ampia di vegetali da cui poter attingere. Tra queste, troviamo la Camellia sinensis, pianta da cui hanno origine tutte le varietà di tè.

Il più ricco di sostanze vitali

Il tè bianco pai mu tan, in particolare, ha una grande concentrazione di sali minerali e polifenoli, sostanze con attività antiossidante. Questo tè è costituito dai giovani germogli della pianta che sono ricoperti da una peluria argentea che gli conferisce un aspetto chiaro, da cui deriva il nome. Il tè bianco subisce un brevissimo periodo di essiccamento, ancor meno del tè verde, lontano da fonti di calore dirette, che lo preservano dall’ossidazione. Per questa particolare lavorazione e grazie alla maggiore concentrazione di sostanze nutritive presenti nei germogli, il tè bianco ha una maggiore quantità, rispetto agli altri tè, di sali minerali,come magnesio, potassio, manganese e ferro, un’elevata concentrazione di polifenoli e vitamina C, entrambi antiossidanti. Ecco perché si presta a essere un’ottima bevanda estiva, in grado di proteggere la pelle dall’invecchiamento e dai danni di un’eccessiva esposizione solare. Inoltre, ha una bassa concentrazione di caffeina, per cui è consigliabile anche a chi soffre di ipertensione.

Da solo o con menta e zenzero

Per sfruttare appieno le proprietà di questo tè, è molto importante prepararlo nel modo giusto. Si deve utilizzare dell’acqua oligominerale, portata a una temperatura di 70 °C, si aggiunge 1 cucchiaino e mezzo di tè per tazza d’acqua e si lascia in infusione coperto per 3-4 minuti, poi si filtra. Ha un sapore molto gradevole e aromatico che ricorda un po’ la frutta matura.
Non è necessario dolcificare ma, se lo gradite, potete aggiungere un cucchiaino di miele. Se si vuole ottenere una maggiore sensazione di freschezza che ristori dal caldo estivo, si può aggiungere al tè 1 cucchiaino di foglie fresche o essiccate di menta (Mentha piperita), oppure qualche fettina di zenzero (Zingiber officinale), lasciarle in infusione, sempre per 3-4 minuti, e poi procedere con la filtrazione. Questa bevanda, dissetante, digestiva e tonica, si presta anche a essere preparata in anticipo, versata in una borraccia o bottiglia, e portata al lavoro o da sorseggiare durante una giornata all’aria aperta. Meglio, però, se non la consumate subito, aggiungere del succo di limone per preservarne l’effetto antiossidante. E, se gradite, anche qualche cubetto di ghiaccio.

Tè bianco: la bevanda dell’estate - Ultima modifica: 2020-06-02T01:54:44+00:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome