Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Media
50 minuti di preparazione
35 minuti di cottura
420 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura
Per la base
Per la farcitura
Per la guarnizione

Istruzioni

  1. Iniziate la ricetta preparando la base. Montate per 10 minuti le uova con lo zucchero e con la polvere o i semi di vaniglia fino a ottenere un composto fermo e sodo. Quindi incorporate un po’ per volta la farina di riso setacciata insieme all’amido di riso.
  2. Versate l’impasto in una tortiera oliata a forma di abete natalizio e passata con la farina di riso. Infornate a 180 °C per 25 minuti. Sformate e fate raffreddare.
  3. Mettete a scaldare il latte di soia insieme a 180 ml di succo di arancia e ai semi della mezza bacca di vaniglia in un pentolino col coperchio. Levate dal fuoco appena inizia a prendere bollore.
  4. Battete, nel frattempo, in una ciotola i tuorli con 100 g di zucchero di canna e l’amido di riso. Unite il latte di soia caldo alle uova, mescolate e fate cuocere la crema a fuoco basso, sempre mescolando, per 2-3 minuti o finché non comincia ad addensarsi. Fuori dal fuoco mescolate ancora per un minuto. Lasciate raffreddare la crema a bagnomaria in acqua fredda.
  5. Riunite lo zucchero di canna restante con un bicchiere scarso d’acqua e cuocetelo per 10 minuti, fino a ridurre a un terzo il volume iniziale. Mescolate lo sciroppo alla scorza d’arancia e, quando raffreddato, unite 120 ml di succo d’arancia.
  6. Dividete l’alberello in 2 strati alti uguali. Irrorate la base con lo sciroppo all’arancia e farcitela con poco meno della metà della crema. Posate il secondo strato di pasta e spalmatelo con la restante crema, coprendo, eventualmente, anche i bordi. Completate cospargendo in modo uniforme la granella mescolata di nocciole e di mandorle.

Note

Nei Colli Euganei è tradizione ottenere dal moscato giallo un vino dolce chiamato Fior d'Arancio Passito: intensamente profumato, al palato sviluppa una trama dolce e setosa, di grande attrattiva

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome