Le buonissime pesche Stark Saturn

5 | 1 voto/i

Un regalo molto gradito dell’amica Alessandra mi ha fatto ritrovare il sapore delizioso delle pesche tabacchiera nella varietà Stark Saturn coltivate nelle terre di Calabria, frutto splendido, con un grado zuccherino elevato, eccellenti in cucina e come frutta da privilegiare in queste settimane magari nella prima colazione del mattino!

Pesche e amici sono un bel binomio, quando recentemente sono stato in Calabria per seguire un progetto di lavoro pluriennale molto bello e coinvolgente ho avuto ancora una volta il piacere di incontrare l’amica Alessandra che nelle terre di origine dei miei genitori porta avanti con tenacia coltivazioni di prodotti buonissimi.

A iniziare dalle olive e dallo splendido olio che riesce ad ottenere grazie alla sua abilità e capacità, fino a un’altra lunga serie di prodotti vegetali che sono il perno di gran parte della buona cucina della salute e del benessere, senza questi e senza i bravi produttori saremmo noi in cucina senza risorse utili!!!

Quindi un grande ringraziamento a tutti quelli che per noi coltivano e amano la terra e che sono spesso molto generosi con gli amici, infatti a sorpresa mi sono visto arrivare le eccellenti pesche che vedete in foto appena raccolte dall’albero.

Incredibilmente buone queste pesche tabacchiera come gran parte delle varietà simile oggi molto presenti nel nostro paese dopo essere state pioniere in Sicilia.

Oggi sono diffuse in diverse altre regione come le Marche e appunto la Calabria dove riescono a crescere al meglio e regalarci frutti di una dolcezza e profumo deliziosi.

La varietà specifica coltivata da Alessandra è la Stark Saturn della famiglia della platicarpa con una polpa particolarmente bianca e un grado zuccherino ancora più alto di quanto ci si aspetterebbe.

Un enorme vantaggio tra i fornelli quando si vogliono realizzare dessert o dolci privi di dolcificanti esterni aggiunti o con una loro limitata presenza e rispettare così al meglio la natura iniziale del prodotto.

Inutile dirvi che oltre ad averle mangiate al naturale una parte di queste pesche sono diventate un piccolo, semplice e buonissimo dessert che presto pubblicherò qui sul blog!

Intanto però ho raccolto da Alessandra altre informazioni utili su queste pesche e le racconto anche a voi per conoscenza e utilità quando di trovate di fronte queste frutto schiacciato molto curioso che non a caso spesso viene scherzosamente chiamato ufo.

Nei terreni di Calabria questa varietà è coltivata nella forma del vaso catalano e va in maturazione generalmente verso la terza settimana di giugno, questo se la stagione è stabile e regolare.

Altrimenti come succede in questi ultimi anni turbolenti dal punto di vista del clima la maturazione può essere difforme e di conseguenza la raccolta protrarsi ben più in la.

Qui da noi la diffusione è relativamente recente, ma la varietà esiste da sempre e presente in vari continenti presentando sempre la caratteristiche di frutto piatto, apparentemente meno attraente e invece ricco di sorprese dolci date dalla profumata polpa interna.

Non è un frutto che si riesce a conservare a lungo e questo tutto sommato lo reputo un grande vantaggio, bisogna saperlo assaporare nella sua epoca giusta di maturazione e goderselo al meglio in queste settimane di presenza naturale sul mercato.

Semplicemente come frutto con cui iniziare al meglio ad esempio la prima colazione, come base dolce e gradevole per centrifughe, estratti e bevande salutari oltre che dissetanti senza dover aggiungere in questi casi alcun altro dolcificante, quanto piuttosto dei buoni latti vegetali come quello di mandorla!

Oppure realizzare semplici dessert dove qui si possiamo al limite unire un minimo di dolcificante in più, stiamo parlando pur sempre di un dolce, ma il meno impattanti possibili non solo a livello nutrizionale, ma anche di gusto per non compromettere troppo il sapore del frutto.

Infatti nel mio dessert ho preferito indirizzarmi verso lo sciroppo d’acero in minime quantità, il suo sapore si concilia al meglio con queste pesche, ma presto lo scopriremo insieme!!!

 

Le buonissime pesche Stark Saturn - Ultima modifica: 2019-07-12T08:47:15+00:00 da Giuseppe Capano

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome