5 | 2 voto/i

Non possiamo proprio definirci veri e bravi “cucinieri” senza avere almeno 2-3 tipologie di fruste nella nostra cucina, vediamo allora di conoscere un po’ meglio questo strumento di base che ogni buon cuoco oltre che avere deve sapere usare per mescolare senza sbagliare!

Le fruste sono uno dei più preziosi aiuti manuali che un cuoco può avere nella sua cucina e non dovrebbero mancare mai 2-3 versioni con misure diverse almeno della tipologia di base più classica e diffusa chiamata alla francese.

Concettualmente è un semplice strumento in metallo che in questa versione di base ha un manico rigido e numerosi fili flessibili convergenti disposti in forma ovale o più precisamente a goccia.

Advertisement

Nelle fruste alla francese è generalmente consigliabile, salvo alcune eccezioni, che l’estremità dove si incrociano i raggi dei fili sia bloccata da un fermo o un anello metallico, in modo da limitare la deformazione della frusta durante l’uso soprattutto quando si è alle prese con composti compatti, duri e poco idratati.

A questo proposito nel comprarla meglio sceglierla sempre di grande qualità e robustezza pur se il costo è maggiore rispetto ad altri esemplari perché poi ne saremo ripagati con una lunga durata senza rottura e deformazioni.

Oltre alle fruste alla francese ci sono in parallelo altre tipologie con a volte funzioni più specifiche: piatta con pochi fili in uno strato unico che facilita la lavorazione anche negli angoli di pentole e ciotole, con forma finale a palloncino di fili che aiuta a introdurre più aria nei composti in particolare se grassi, a spirale e altre ancora più particolari e destinate quasi a solo singole preparazioni tradizionali!

Questo per ribadire come le fruste non sono certo un accessorio di secondaria importanza nelle lavorazioni di cucina e non averne almeno una in casa non è certo un bel segno!!!

Per capire meglio il motivo diciamo che le fruste sono perfette per emulsionare componenti grasse con altre più acquose e acide come nel caso di condimenti tipo la vinaigrette, aumentare le dimensioni di composti di base come le uova introducendo aria, rompere e riaggregare la struttura di diversi ingredienti, amalgamare sostanze liquide con composti solidi o grassi, rimediare alla poca cremosità di salse eliminando parti agglomerate e grumi, distribuire uniformemente le farine introdotte in un liquido caldo e moltissimo altro.

Ma sono anche essenziali in tutti quei casi in cui non è possibile utilizzare un frullino elettrico, una casistica elevata malgrado le apparenze in quanto uno strumento elettrico parte sempre da una certa velocità di rotazione che in molti casi è eccessiva per le operazioni di cucina mentre con l’uso di una frusta a mano siamo sempre noi a modulare potenza e velocità di lavoro.

Come abbiamo visto quindi non possiamo proprio definirci veri e bravi “cucinieri” senza avere, conoscere e usare le fruste, per cui eventualmente rimediate subito!!!

5 | 2 voto/i

Fruste in cucina, mescolare e non sbagliare!!! - Ultima modifica: 2021-04-01T09:30:32+02:00 da Giuseppe Capano
Fruste in cucina, mescolare e non sbagliare!!! - Ultima modifica: 2021-04-01T09:30:32+02:00 da Giuseppe Capano

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome