Consumo di hamburger e buone alternative vegetali


Le statistiche sul consumo dei tradizionali hamburger a base di carne sono impressionanti se pensiamo al contestato di buona cucina Italiana, ma esistono anche ottime alternative in chiave puramente vegetale dal quadro nutrizionale molto più sano!

In una recente indagine statistica che uno dei colossi della consegna di cibo a domicilio ha voluto realizzare per capire anche meglio una serie di aspetti riguardanti i consumi alimentari sono stati messi in evidenza le abitudini a tavola rispetto all'ormai diffusissimo hamburger.

La prima cosa che colpisce è scoprire come statisticamente un italiano su tre mangia hamburger quasi tutti i giorni apprezzando al di la del gusto la praticità del consumo che può avvenire indifferentemente dentro o fuori il locale e la velocità di servizio.

Sul gusto le varie catene hanno studiato molto bene i meccanismi che rendono il prodotto estremamente accattivante e piacevole in un mix di combinazioni dove conta la tipologia di pane, la miscela di carni e aromi, le salse di copertura che nascondono o esaltano secondo le necessità determinati aspetti.

Un meccanismo che l’industria alimentare in generale è arrivata a perfezionare sempre più fino a creare vere e proprie dipendenze di gusto poi difficili da “guarire”!

Del resto salvo alcune eccezioni tutto questo è indipendente dalla salubrità delle scelte commerciali effettuate e per ora questo sembra importare poco a gran parte dei clienti come ribadiscono tranquillamente i trend di vendita alti.

E lo conferma anche la particolare classifica Europea di consumatori di hamburger dove l’Italia figura stabilmente al terzo posto con avanti a se solo Regno Unito e Francia.

Il quadro appare sconcertante leggendo bene tutti i dati dell’indagine che non sto qui a riportare visto che sono solo un elenco di tipologie di carne, combinazioni, farciture e degenerazioni varie.

Tuttavia per me che sono a contatto con il mondo ristorativo da dietro le quinte le alternative commerciali e distributive altrettanto pratiche e veloci a questo impero dell’hamburger si stanno facendo, anche se faticosamente, strada.

Ne approfondiamo i particolari magari se riesco facendo un analisi di volta in volta delle diverse realtà alternative valide, ma prima ancora è bene ricordare che se vogliamo comunque rimanere in ambito di preparazione hamburger abbiamo molte alternative anche a livello vegetale.

Sono rimasto colpito piacevolmente ad esempio (per quanto già sapessi di questa ricchezza propositiva) delle molte alternative in termini di ricette che trovate sul sito di Cucina Naturale che seguite.

Basta mettere il termine hamburger e viene fuori un buon elenco di ricette alternative che possono gratificare al massimo il palato di chi preferisce seguire la via dell’apporto proteico vegetale e ha a cuore la parte nutrizionale e salutistica.

Ecco qui un bell’esempio di una ricetta non mia ma di uno degli autori che ospitiamo sulla rivista, l’ho personalmente verificata e potete prenderla in considerazione per tutto settembre visto che le melanzane di cui sono composti gli hamburger sono ancora di stagione.

Ma di esempi sul sito come detto ve ne sono molti anche per chi non vuole consumare alimenti di origine animale come quelli presenti nella versione citata.

Intano però vediamo se trovo il tempo prima per creare e poi per pubblicare sul blog una speciale versione di hamburger vegetale secondo il mio stile!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome