Trovato un link tra carne rossa e invecchiamento delle arterie. Scopriamo perché e il ruolo della dieta per evitarlo

4 | 3 voto/i

Appena pubblicata su Hypertension, una ricerca Usa ha messo in relazione il consumo di alcuni alimenti di origine animale, come la carne rossa, con l’aumento di una sostanza legata al deterioramento delle arterie. Per fortuna qualcosa si può fare per invertire questa tendenza e dipende solo da noi

Breve premessa. Tra le tante cose che succedono dopo avere mangiato della carne rossa o dei tuorli d’uova, a livello intestinale troviamo dei batteri che lavorano per la scomposizione/digestione dei due amminoacidi L-carnitina e colina. Questo lavoro prima genera un sottoprodotto metabolico chiamato trimetilammina, che poi nel fegato si modifica diventando la trimetilammina-N-ossido, più comunemente chiamato TMAO, che entra così nel circolo sanguigno.

Un composto pro-age delle arterie

Ebbene, questo metabolita è già noto alla ricerca perché un suo tasso elevato nel sangue indica un aumento del rischio di andare incontro a problemi di tipo cardiovascolare. Ma non solo: secondo un nuovo studio appena pubblicato su Hypertension, la rivista dell'American Heart Association, andrebbe a danneggiare le nostre arterie causandone un invecchiamento precoce. "Il nostro lavoro mostra per la prima volta che questo composto non solo compromette direttamente la funzione dell'arteria, ma può anche aiutare a spiegare i danni al sistema cardiovascolare che si verificano naturalmente con l'età", ha affermato Vienna Brunt, prima autrice della ricerca che è stata effettuata all'Università del Colorado.

La ricerca spiegata facile

La dottoressa Brunt e il suo team hanno deciso di andare più a fondo sugli effetti del TMAO, interrogandosi sia su come danneggia i vasi sanguigni ma anche se può essere uno dei motivi per cui, con il passare degli anni, la salute cardiovascolare peggiora anche tra chi segue attività protettive come l'esercizio fisico e non fumare.
E per rispondete a questi quesiti hanno incrociato i dati di lavori eseguiti sia sulle persone che sugli animali.

Innanzitutto hanno testato sangue e arterie di 101 anziani e di 22 giovani adulti scoprendo che i livelli di TMAO aumentavano sempre in relazione con l'età. Quelli con livelli ematici più elevati di TMAO avevano una funzionalità delle arterie significativamente peggiore: i ricercatori hanno riscontrato nel rivestimento dei vasi sanguigni, difatti, maggiori segni di stress ossidativo o di danni. Un'ipotesi che si fa per spiegarlo (ma ancora non provata sugli umani) è che invecchiando, la flora intestinale cambi e aumentino, di conseguenza, i batteri instetinali che producono TMAO.

Per avere un ulteriore riscontro, i ricercatori hanno poi somministrato TMAO a giovani topi, scoprendo che i loro vasi sanguigni – ma anche gli animali - invecchiavano molto rapidamente. Ma non solo. Il team di studiosi ha anche somministrato ai topi anziani un composto chiamato dimetil-1-butanolo che, ad esempio, si trova nell’olio d'oliva o nel vino rosso, e hanno rilevato che la  disfunzione vascolare nei topi si invertiva, con un effetto “ringiovanente”. Gli studiosi ritengono, perciò, che questo composto sia in grado di impedire la produzione di TMAO.

La dieta ci salverà? Sì, ma non soltanto

La dottoressa Brunt sostiene che tutti - anche i giovani vegani - producono comunque del TMAO. Quindi con la dieta non si riesce ad azzerare questo metabolita, tuttavia si riesce a ridurre decisamente: "Più carne rossa mangi, più nutri i batteri che la producono", ha affermato a questo proposito l'autore senior della ricerca, Doug Seals, certo che lo studio costituisca un importante passo avanti sulla comprensione del perché le arterie comunque si danneggiano con l'età, anche nelle persone più sane.

Il team di ricercatori sta attualmente sperimentando l’efficacia dei composti che potrebbero bloccare la produzione di TMAO prevenendo il declino vascolare correlato all'età. Senza trascurare il fatto che, una dieta a base vegetale (o il più possibile vegetale) possa risultare utile per tenerne sotto controllo i livelli.

Insomma, in attesa che la ricerca scientifica ci dia ulteriori conferme o nuovi strumenti,  i nostri ingredienti mediterranei, come l’olio di oliva, e un’alimentazione ricca di alimenti vegetale si rivela ancora una volta protettiva per la salute. E anche un efficace antiage per le  arterie (altro che rughe)!

4 | 3 voto/i

Trovato un link tra carne rossa e invecchiamento delle arterie. Scopriamo perché e il ruolo della dieta per evitarlo - Ultima modifica: 2020-07-05T10:10:58+02:00 da Barbara Asprea
Trovato un link tra carne rossa e invecchiamento delle arterie. Scopriamo perché e il ruolo della dieta per evitarlo - Ultima modifica: 2020-07-05T10:10:58+02:00 da Barbara Asprea

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome