Deficit di ferro: da evitare sin da piccoli


La carenza di ferro nei bambini piccoli può dare conseguenze anche nella vita adulta. Almeno secondo uno studio pubblicato su The Journal of Pediatrics nel quale sono stati valutati i livelli di sviluppo psicofisico raggiunti a 25 anni da ex bambini con carenza da ferro manifestatasi già tra i 12 e i 23 mesi di età. Tali risultati sono stati messo a confronto con un gruppo di soggetti con livelli di ferro soddisfacenti.

Livello di istruzione, stato occupazionale, stato civile, salute fisica e mentale: questi gli aspetti sui quali si è indagato principalmente. Ebbene,  è emerso che tra i bambini con carenza cronica di ferro una percentuale maggiore  (il 58,1% contro il 19,8% del gruppo di controllo) non completava la scuola, non perseguiva altre occasioni di istruzione o formazione (76,1% contro 31,5%;) ed era single (83,9% contro 23,7%). 
Il gruppo con carenza cronica riferiva anche una salute emotiva peggiore. Non c’è da stupirsi che gli autori nelle conclusioni sottolineino l’importanza di prevenire o curare la carenza di ferro nella prima infanzia prima che diventi cronica o severa.

Riguardo ai consigli per seguire una dieta ferrosa senza mangiare la carne (però c'è il pesce) in questo articolo trovate degli utili consigli e qualche ricetta, come questo tortino di spinaci, ortaggi noti per il loro contenuto di ferro. Altre informazioni utili le trovate in questo servizio dedicato alla dieta vegetariana.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome